Il lombrico

Ieri sera Gianni ha fatto una preghiera bellissima e vorrei poter dare voce al suo sentimento che ha commosso non solo il mio, ma anche il cuore di tutti quelli che stavano raccolti in preghiera con noi.
Si sentiva portato in un grande e luminoso giardino.
Gesù lo aveva preso per mano e con tenerezza e decisione lo aveva introdotto alla visione stupenda di quel luogo dove lui abita e regna.
La luce era fortissima ma piacevole, dolce, e non costringeva a chiudere gli occhi, perché non li feriva, ma li accarezzava e invitava ad aprirsi di più, per godere dell’incanto dei fiori sbocciati tra l’erba, dell’azzurro luminoso del cielo, dei raggi di un sole che riscaldava e accarezzava la pelle, senza bruciarla, né tantomeno ferirla.
Si era messo accucciato da un lato, come un bimbo che scopre un luogo incantato, ma ha paura, è smarrito, non sa chi sia, dove sia e a chi chiedere o chi ringraziare.
In un cantuccio osservava i fiori e pregava: forse sono un fiore, Signore, che tu hai fatto sbocciare in questo prato e ti sei compiaciuto di me, perché sono bello, puro e tenero nei petali appena sbocciati.. Poi si è detto che non era quel fiore, non voleva essere fiore, in quel giardino dove Dio lo aveva chiamato.
Poi ha visto l’erba e ha pensato: “Ecco voglio essere erba, quel filo d’erba che spunta dalla terra timidamente, mescolandosi ai fiori.
Un filo d’erba forse, sì poteva pensare di esserlo, ma poi l’idea che non era degno di essere erba, gli ha fatto guardare più in basso, alla terra sulla quale risplendeva la vita e ha visto una zolla, una piccola zolla, nera e compatta.
Forse avrebbe potuto essere quella, forse si poteva sentire a suo agio, nascondendosi sotto i profumi e i colori del prato.
Ma ancora troppo gli sembrava l’ardire e gli è venuto in mente il lombrico, che si ciba di terra e la espelle digerita, emettendola lì dove l’ ha presa.
Sì voleva essere quella terra che il lombrico si era mangiata, quella poltiglia informe e incolore che usciva dalla sua pancia.
Voleva essere humus, zolla ricca di fermenti vitali, uscita dal ventre di un piccolo animale strisciante, voleva essere quel lievito che fa fermentare la massa, che non si vede, ma che agisce moltiplicando il volume.Nel giardino dove il Signore l’aveva portato, Gianni si è scelto la cosa migliore, quella che non viene guardata né ammirata, ma quella che rende possibile il miracolo di un giardino fiorito, dove brillano i colori dell’arcobaleno

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...