Fede

“Maestro non t’importa che siamo perduti?” (Mc 4,38)
Le letture di oggi ci parlano della fede che è fondamento della nostra speranza.
Oggi mi chiedo quanta fede io abbia e se nelle avversità, nei pericoli continuo a confidare nel Signore, se mi rassegno ad affondare e morire con Cristo che dorme nella mia barca o pretendo di vivere in eterno una vita da schiavo, una vita di sacrifici per ciò che non dura e che la tignola o la ruggine attaccano.
Me lo chiedo dopo aver passato gli ultimi tempi a temere di rimanere per il resto dei miei giorni dipendente dagli altri per qualsiasi spostamento, a rinunciare a quella poca autonomia che mi dava l’avere la patente e la macchina per andare da qualche parte.
Ho fatto una fatica bestiale a convincermi che niente è dovuto e che, se il Signore permetteva tutto questo, sicuramente era per il mio e per l’altrui bene.
Nella messa de 29 gennaio ho trovato la pace dopo tanto penare, la pace che miracolosamente è scesa sopra di me, quando ho pensato che a tutto c’è rimedio, anche ad una bocciatura,(all’esame per il rinnovo della patente con le modifiche ala macchina, imposte dalla commissione ) il minimo che mi potesse succedere, perchè si può sempre riparare, come a scuola.
Ma poi è bastato poco, l’intervento non proprio soft di mio figlio che mi ha fatto ripiombare nell’angoscia.
E quello che pensavo fosse una maledizione, vale a dire che ad accompagnarmi doveva essere lui, perchè mio marito aveva abbondantemente superato l’età prevista per gli istruttori, si è rivelata una benedizione.
Infatti, grazie al suo carattere gioviale e tranquillo, ho superato l’esame brillantemente.
La sera prima mio marito mi aveva invitato, era mezzanotte, a dire un rosario insieme e a benedire questo figlio che all’apparenza sembra ce l’abbia con me e abbia qualcosa da farmi scontare.
“Esortatevi a vicenda” diceva nella lettera agli Ebrei Paolo a Barnaba, Parola di Dio, e così è stato.
Che Gianni prendesse l’iniziativa era il primo miracolo a cui sarebbero seguiti tutti gli altri.
Avevamo pregato insieme perchè la relazione con Dio e con le storture della nostra umanità fossero tutte ripristinate come occasioni di crescita e di grazia.
Così, anche se il dolore alle spalle e al braccio dalle 4 del mattino cresceva in modo esponenziale, pure ho cercato di mantenere la calma e di mettermi nelle Sue mani e in quelle di chi mi aveva mandato a sostenermi.
Dicevo che ho superato l’esame grazie anche ai ricalcoli dolorosi e opprimenti, ma quello che questa mattina vorrei non trascurare di scrivere è che questa vicenda mi ha fatto provare quanto è grande il Signore, quanto distano i suoi pensieri dai nostri, quanto siano efficaci le sue soluzioni e non quelle che noi gli suggeriamo.
Il mio cuore si è aperto ad una gratitudine immensa, non tanto perchè avevo di nuovo la patente e non dovevo dipendere più da nessuno, quanto che ero chiamata a servire ancora e sempre fino alla morte in casa o fuori casa, stando ferma su una sedia o guidando un’automobile, spostandomi con il cuore e non con il corpo necessariamente.
Questo è il dono di tanto patire, di questa tempesta che infuria da tempo su questa casa, e voglio farne memoria e mettere nel mio sacco tutti gli scintillanti che di cui Dio ha cosparso questo percorso sempre più impervio.
Ho pensato al fatto che molti non hanno proprio nessuno che li porti, che si prenda cura di loro, che non possono muoversi autonomamente e non hanno un rapporto confidenziale con il Signore.
La mia fede si fondi sulla sua Parola sempre, questo è ciò che oggi voglio chiedere a Dio.
Che sia disposta ad andare a fondo con Lui, quando la tempesta è troppo violenta con la speranza che si fonda sulla sua promessa che non moriremo, ma resteremo in vita, perchè è risorto e vive in noi oggi sempre in eterno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...