Io sono il Signore, non ce n’è altri

 “Io sono il Signore, non ce n’è altri”.(Is 45,6)
Signore lo so che tu sei il Signore, che non c’è altro Dio al di fuori di te.
So che tu mi hai creato, che mi hai amato per primo, che non mi avresti creato se non mi avessi prima amato, so che solo tu conosci qual è il mio bene, solo tu puoi realizzarlo pienamente se ti lascio fare, se non ti lego le mani.
Solo tu Signore puoi trasformare la valle del pianto in un luogo delizioso, il terreno arido in una sorgente, tu solo Signore puoi provvedere ai tuoi figli il cibo e vestito a tempo opportuno.
Lo so e credo fermamente che tu già stai operando in questo senso, perché da quando sono stata intessuta nel grembo di mia madre, la tua mano è stata sempre pronta a salvarmi dal pericolo delle grandi acque.
La preghiera del rosario di mia madre è stata il mio baluardo, la fortezza inaccessibile perché il nemico non si impadronisse di me e piantasse il suo vessillo sul mio capo.
Credo in te Signore, mi fido di te incondizionatamente e spero nella tua parola che è parola di vita.
Tu sei il mio Signore, il mio Salvatore, sei tutto per me.
Senza di te non sarei nulla nè potrei fare nulla.
Più vado avanti con gli anni, più mi rendo conto che se non ci fossi stato tu, mi avrebbero divorato i miei nemici, quelli che attentano alla mia pace, alla mia salute, alla mia vita.
Tu hai detto: “Non temete quelli che uccidono il corpo”.
Ma noi viviamo in questo corpo e tutto ciò che sentiamo, viviamo, passa attraverso il nostro corpo.
Con il corpo comunichiamo amore e odio e attraverso il corpo ci giungono messaggi positivi e negativi, gioie e dolori.
Il corpo è lo strumento privilegiato perché noi possiamo vedere ed essere visti.
Lo so Signore che tu vedi ciò che noi non vediamo, che il corpo che ci hai destinato è un corpo glorioso e incorruttibile, ma intanto siamo nell’arena, nella fornace ardente, nella fossa dei leoni a sperare che questo filo che ci unisce a te non si spezzi, che le forze non ci vengano meno per chiedere l’aiuto necessario per non soccombere, l’acqua, la parola, la tua benedizione, la tua tenerezza, il tuo sguardo di compassione.
Signore aspetto che tu passi qui in questo luogo tenebroso, in questo crocevia dove mi hanno preso di mira nemici di ogni genere, preoccupazioni per la salute mia e dei miei cari, stanchezza e smarrimento per i sintomi “diabolici” che mi perseguitano la notte, attacchi poderosi che mi hanno spogliato e lasciata semiviva, nuda in mezzo alla strada
Io ti invoco Signore, rispondimi!.
Sono qui sola in questa strada pericolosamente in bilico tra la vita e la morte e ti sto aspettando.
Non tardare Signore. In te ogni mia speranza, in te ogni mio bene.
Non prolungare la mia attesa, la mia ansia, il dolore, lo scoraggiamento per una preghiera che non riceve risposta.
Signore cosa dirti che tu non già non sappia? Come posso permettermi di darti consigli quando so che tu conosci tutto e provvedi al tempo opportuno il cibo l’acqua e il vestito e tutto ciò di cui un figlio ha bisogno?
Ma noi Signore siamo uomini, non siamo forti e nelle prove sperimentiamo tutta la nostra fragilità, la nostra debolezza, il nostro bisogno di aiuto dall’alto.
Signore manda dai tuoi cieli santi un angelo che sconfigga questi nemici e donami la pace.
Vorrei tanto riposare, dormire un po’ senza questo tormento alle mani, alle braccia, ai piedi, alle gambe e nel cuore.
Vorrei dormire e sognare un banchetto di grasse vivande, di cibi succulenti, vorrei poter almeno nel sogno godere della tua presenza, godere di una tregua a questa tempesta che non si placa.
Signore sono stanca e ho paura, paura di non farcela, paura di stancarmi di parlare con te, paura di ribellarmi al tuo disegno, paura Signore per tutto ciò che mi toglie le mie piccole autonomie e i miei affetti più cari.
Signore pietà, Cristo pietà, Signore pietà!
Maria tu sei stata donata a noi da tuo figlio, sei la scala che porta al cielo, sei il tabernacolo che custodisce Gesù, sei la madre che tutto vede e a tutto provvede per il legame d’amore che ti lega al Figlio, al Padre e allo Spirito Santo.
Maria a te chiedo di intercedere perchè la mia angoscia abbia fine
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...