Questa figlia di Abramo non doveva essere liberata da questo legame nel giorno di sabato?

Meditazioni sulla liturgia di
lunedì della XXX settimana del Tempo ordinario 
VANGELO (Lc 13,10-17)
In quel tempo, Gesù stava insegnando in una sinagoga in giorno di sabato. C’era là una donna che uno spirito teneva inferma da diciotto anni; era curva e non riusciva in alcun modo a stare diritta.
Gesù la vide, la chiamò a sé e le disse: «Donna, sei liberata dalla tua malattia». Impose le mani su di lei e subito quella si raddrizzò e glorificava Dio.
Ma il capo della sinagoga, sdegnato perché Gesù aveva operato quella guarigione di sabato, prese la parola e disse alla folla: «Ci sono sei giorni in cui si deve lavorare; in quelli dunque venite a farvi guarire e non in giorno di sabato».
Il Signore gli replicò: «Ipocriti, non è forse vero che, di sabato, ciascuno di voi slega il suo bue o l’asino dalla mangiatoia, per condurlo ad abbeverarsi? E questa figlia di Abramo, che Satana ha tenuto prigioniera per ben diciotto anni, non doveva essere liberata da questo legame nel giorno di sabato?».
Quando egli diceva queste cose, tutti i suoi avversari si vergognavano, mentre la folla intera esultava per tutte le meraviglie da lui compiute.
Parola del Signore
Dio non guarda il calendario, non conosce riposo, non va in ferie.
Come una madre è disponibile ogni momento per i bisogni dei suoi figli di notte e di giorno, quando sono vicini e di più quando sono lontani.
Così Dio è continuamente all’opera perché i suoi figli non muoiano staccati da Lui.
La madre non conosce riposo e specie la domenica, lavora di più, perché invita i suoi figli e prepara loro vivande più elaborate, squisite che presuppongono una fatica maggiore dei giorni feriali.
La madre, quando la domenica imbandisce la tavola, è felice, soddisfatta, anche se si è svegliata all’alba per accendere il fuoco, per preparare in tempo tutto ciò che serve per il banchetto domenicale.
Qualcosa lo ha preparato anche dal giorno prima.
Questo comportamento umano che noi riscontriamo in molte famiglie italiane, dove ci sono figli sposati e nipoti, per le quali la domenica è considerato il giorno in cui si va a mangiare a casa dei genitori.
Dio non è un genitore qualunque, ma un padre speciale, per cui provvede non solo al cibo, ma anche a rimettere in piedi, permettere di camminare, guarire quelli che per qualche motivo non possono aderire all’invito, non possono partecipare alla mensa comune.
Tante malattie ci impediscono di godere appieno dell’amore del Padre e a questo Dio pone rimedio.
Oggi è la volta della donna curva, rigida in una posizione.
La posizione curva impedisce di incrociare lo sguardo di chi ti sta davanti, ti fa guardare la terra e non il cielo.
La rigidità ti impedisce di modificare il tuo rapporto con la realtà che ti circonda, ti impedisce di essere libero nel movimento, libero di servire, libero di rispondere alla chiamata.
Rigidità è la paralisi del pensiero, è la chiusura del cuore, è l’impedimento, l’ostacolo ad accogliere la novità dello Spirito che ci fa gridare “Abbà Padre!”.
Gesù guarisce questa donna, perché vuole farla partecipe di tutto ciò che è già pronto per ognuno di noi.
Vuole, specie il giorno di sabato, la nostra domenica, invitarci a stare con Lui per celebrare insieme la Pasqua.
Solo chi è libero da malattie può servire, perciò Gesù guarisce i malati.
Ma non tutti hanno questo privilegio.
Perché?
Il miracolo era solo un segno per evangelizzare non uno strumento per farsi pubblicità.
Perciò non tutti furono guariti.
Oggi che Gesù è salito al cielo e ci ha lasciato il suo Spirito, bisogna pregarlo incessantemente attraverso i suoi intermediari, i santi, per avere qualche speranza.
La maggior parte delle persone non viene guarita dalle malattie e tutti muoiono, anche i miracolati.
Come deve intendersi oggi il miracolo?
C’è un modo diverso dell’agire di Dio?
Io non credo.
Perché la sua Parola, il suo Spirito sono qui, in mezzo a noi e noi possiamo accedervi quando e come vogliamo.
Per quanto mi riguarda, la malattia mi ha aperto gli occhi alla mia miseria, al mio limite, alla mia inadeguatezza, alla mia impotenza, al mio bisogno di cercare oltre il senso di un destino che sembrava di morte.
Il dolore è stato e continua ad essere uno strumento per incontrare il Signore, per apprezzare quello che davo per scontato, per capire cosa effettivamente serve nella vita.

” Va’ la tua fede ti ha salvato”(Mc 10,52)

 

 
Meditazioni sulla liturgia di
domenica della XXX settimana del TO anno B
” Va’ la tua fede ti ha salvato”(Mc 10,52)

 

Così vorrei oggi sentirmi dire da Gesù, le stesse parole che rivolse a Bartimeo, il cieco che chiedeva l’elemosina ai bordi della strada su cui sarebbe passato.
Anche io sono su quella strada e voglio incontrarlo, voglio che mi guarisca, nonostante in tanti mi vogliono tappare la bocca, intimidirmi, mettermi da parte per evitare che ritardi o offuschi la fama, il trionfo del Salvatore.
Io so che si fermerà, anche se ha, vero uomo, il cuore in subbuglio, per la prova di cui solo lui conosce il peso.
Ma quando hai Dio nel cuore, quando sei intimamente connesso a Lui, non ti chiudi in te stesso pensando solo ai tuoi problemi, ma ti apri all’altro, tieni aperti gli occhi, le orecchie e il cuore a qualsiasi grido di aiuto.
Chi di noi , quando è oppresso da gravi pensieri, da tristi presagi, quando si trova ad affrontare una prova difficile, ha modo e tempo e testa e tutto il resto per prestare ascolto ad uno che ti chiama, un pezzente che neanche conosci?
Eppure Gesù non si smentisce e avverte la sincerità del cuore, la disperazione di quell’uomo che solo in lui vede la salvezza.
” Chiamatelo!” dice ai suoi discepoli che vedevano nell’intruso solo un ostacolo da evitare.
” Cosa vuoi che ti faccia?” gli chiede.
“Cosa volete che faccia per voi?” l’aveva chiesto anche ai discepoli che non ancora avevano capito niente di Lui.
” Che io torni a vedere!”
“Va’, la tua fede ti ha salvato!”
Quale fede aveva Bartimeo da portare Gesù ad esaudire immediatamente la sua richiesta?
Essere consapevole del suo bisogno e rivolgersi all’unica persona che poteva soddisfarlo.
Molto spesso pensiamo che i nostri bisogni siano altri, bisogni della carne e non dello spirito, bisogni umani, come quelli espressi dagli apostoli quando chiesero di sedere alla destra e alla sinistra nel suo regno di gloria.
Gesù chiarifica il nostro desiderio, ci apre gli occhi a ciò che ci manca e ci guarisce riempiendo i nostri vuoti, la nostra inadeguatezza con la sua grazia.
Oggi così voglio pregare.
“Gesù ti amo, unico e vero Signore della mia vita.
Riconosco le mie colpe, riconosco la mia infermità, riconosco che tu solo Dio puoi guarirmi da quelle malattie che mi impediscono di lasciare il mio mantello, le mie sicurezze, vendere tutto e seguirti.
Guariscimi Signore dal cercare rimedi nelle cose del mondo, sicurezza nei beni terreni, guariscimi dalla cecità che mi impedisce di vedere te nelle cose e nelle persone che incontro sul mio cammino.
Aiutami a riconoscerti quando passi sulla mia strada.

“Quale gioia, quando mi dissero: «Andremo alla casa del Signore!» (Salmo 121)

“Quale gioia, quando mi dissero:
«Andremo alla casa del Signore!».
(Salmo 121)
” Dalla tua bocca esce solo rumore” mi disse un giorno la logopedista al termine dell’esame fatto al computer sulla mia voce.
In effetti, quando parlavo io, il video era attraversato da righe nere irregolari, che facevano un rumore assordante, infernale, mentre quando parlava lei lo stesso video si colorava di azzurro e spuntavano fiori e uccellini che cantavano.
“La sua lingua è troppo lunga, si deve tagliare” fu il responso del dentista.
Il tuo volto io cerco o Signore, la tua parola medito giorno e notte. Non mi sono nascoste le tue vie, donami di percorrerle con te.
Signore, mia forza, mio canto, mia salvezza, mia consolazione, ti amo, ti adoro, ti desidero, Signore mio Dio!
Quanto sono belle le tue dimore, quanto sono grandi le tue opere, quanto dolci i tuoi occhi, tenere le tue mani, saggi i tuoi pensieri, misericordioso il tuo cuore!
Signore il tuo amore è grande, il tuo amore è immenso.
A te voglio innalzare inni di grazie, ti voglio lodare con parole della mia bocca con tutto il cuore, con tutta la mente.
Grazie Signore di te, per te, per quelli che tu ami, grazie per tutte le tue creature, grazie del dono della vita, grazie del tempo, grazie dello spazio in cui tu hai posto tutta la tua creazione, uno spazio che si dilata all’infinito, quando tu sei con noi.
Ti lodo ti benedico e ti ringrazio Signore, perché al nostro corpo tu hai dato ali di angeli per volare fino a te, per abbattere i limiti, che la natura mortale porta in sé.
Grazie perché in te sono tutte le sorgenti, in te tutto trova pace, gioia, serenità e calore, in te Signore ritroviamo tutta la tua creazione, in te troviamo tutti i tuoi figli, in te troviamo lo Spirito che li ha generati e li unisce e li abbraccia e dà loro unità.
Grazie perché in te la luce vince le tenebre, il caos ha dato spazio all’ordine, in te ogni cosa ha una funzione e un senso, ma principalmente ogni cosa è investita dal tuo amore.
La tua casa Signore è casa di accoglienza, di preghiera e di sacrificio, di condivisione, di comunione, di solidarietà.
La tua casa è casa viva di carne, di Spirito, di vita nuova alimentata dal tuo amore, un amore che abbraccia tutto e tutti, un amore che supera ogni umana immaginazione, un amore che investe lontani e vicini, un amore che non smette mai di cercare la corrispondenza, il sì all’altro per poterlo riempire di grazia e di benedizioni, di ogni cosa buona che ti appartiene, che è tuo, che è divino.
Signore ti ringrazio di questo abbraccio cosmico, generoso e vitale in cui mi sento immersa, da cui mi sento ristorata, rassicurata, consolata, coccolata.
Grazie perché è più di quanto potessi immaginare.
Tu hai risposto al mio desiderio di unità della persona nella storia, al mio anelito ad entrare nel mistero trinitario, dove il molteplice diventa straordinaria pienezza dell’essere nella composizione dei conflitti, nella riunificazione della persona attraverso il tempo che da kronos diventa kairos .
Il tempo è il nostro maestro, il tempo che tu hai inventato e nel quale ci hai immesso, per farci fare esperienza di infinito, di uno e molteplice, di eterno, di comunione, di trascendenza.
Signore il tempo tuo è un tempo di grazia, il tuo tempo ce l’hai donato tu che operi nel tempo per farci uscire dal tempo, per metterci nella dimensione tua, che è quella dell’oltre e dell’altro.
Signore grazie per tutto ciò che mi ha aiutato a crescere nella tua conoscenza, grazie per tutte le occasioni che mi hai messo davanti per poter cambiare rotta, grazie perché le frane sono state dolorose, causa di grandi sconvolgimenti dell’ordine che io avevo dato alle mie cose.
Grazie Signore di tutto.
Grazie.
Ti voglio lodare, benedire e ringraziare per le coppie che ieri abbiamo incontrato, per le loro famiglie, per il sì che si apprestano a dire davanti a te, grazie per padre Vincenzo, grazie per il desiderio che continui ad alimentare in noi di servirti, malgrado la stanchezza, la malattia, gli impegni.
Ti ringraziamo Signore di questa forza nuova, che ci spinge verso gli altri perché in loro vediamo il tuo progetto, il tuo sogno.
Fa’ Signore che si  realizzi, aiutaci a credere che non ti sei affaticato invano, che non è stato inutile il tuo sacrificio, che non è inutile nessun sacrificio per la tua causa che tu hai indicato alla tua Chiesa, la sposa che ti sei scelto e che vuoi accogliere, consolare, guarire e farla partecipe della tua gloria.
Guarda ora alla nostra coppia, la tua chiesa domestica
Purifica i nostri percorsi Signore, purificami dalla frenesia di avere tutto a portata di mano, tutto e subito.
Aiutaci ad adeguarci uno ai tempi dell’altro, a sottometterci l’uno all’altro, aiutaci ad accogliere con gioia la tua legge divina e immortale di un presente ricco di grazia e di amore.
Aiutaci Signore a non disperdere energie per cose che non servono, per cose che portano solo problemi e dolori e ci impediscono di vivere liberi.
Aiutaci Signore a percepire il battito del tuo cuore che pulsa per tutti gli affamati e gli assetati del mondo, per quelli specialmente che non riconoscono di avere sete e fame di te e si abbeverano ad altre fonti e si saziano ad altre mense.
Aiutaci Signore ad entrare più profondamente nel tuo mistero d’amore, conducici per mano nella stanza alta, quella posta in disparte dagli sguardi indiscreti, dove tu ci dimostrerai il tuo tesoro, ansioso di donarlo a chiunque voglia seguirti.
Aiutaci Signore a bussare alla tua porta e a presentarci con l’abito delle nozze, l’abito bianco immacolato, abito che tu Signore hai provveduto a lavare con il tuo sangue, prima che entrassimo nel tuo santuario.
Grazie Signore di questo desiderio grande, incontenibile della tua intimità, grazie perché ci ami di amore eterno,incorruttibile.

” Un solo Dio padre di tutti”.(Ef 4,6)

” Un solo Dio padre di tutti”.(Ef 4,6)
Oggi con un atto di volontà sono andata a messa, ieri si parlava del fuoco, della divisione.
“Non crediate che io sia venuto a portare pace sulla terra, ma divisione”.
Certo le parole di Gesù sono destabilizzanti e da un po’ di tempo le recepisce solo la mia testa più che il mio cuore.
Questa cosa mi dispiace molto.
E come se avessi perso l’intimità con Lui.
Anche il vangelo di oggi parla al mio cervello, perché Gesù rimprovera chi non legge i segni dei tempi, quando invece da una nuvola o dal colore del cielo capiamo che tempo farà.
L’invito alla conversione è ribadito.
“Guarda di accordarti con il tuo avversario, prima di presentarti al giudice”.
Mi ha colpito come il il mio messalino abbia interpretato la parola ” avversario “.
A volte siamo noi avversari di noi stessi e dobbiamo riconciliarci, prima che con gli altri, con questo avversario interno che ci fa agire per il la nostra infelicità, che ci schiavizza.
In un passo della Bibbia leggiamo: “Lasciatevi riconciliare da Dio!”
Non noi ma Dio si vuole riconciliare con noi. Ma noi pensiamo di essere troppo cattivi per essere meritevoli della sua misericordia.
Ecco perché quando più pecchiamo, più ci allontaniamo da lui.
Non è un caso che, quando ci comportiamo male consapevolmente, quando cadiamo vittime dei nostri comportamenti sbagliati, diventandone schiavi, evitiamo di guardare in faccia la gente e diventiamo misantropi, a meno di trovare compagni di merende con cui gozzovigliare alla faccia di chi ci vuole male.
Ma una volta rimasti soli, il complesso di colpa ci schiaccia e per non pensare, continuiamo a stordirci di cattive azioni sempre più precipitando nel baratro.
Dio si vuole riconciliare con noi, sta alla finestra ad aspettarci o alla porta in attesa che gli apriamo.
Quando ci decideremo a mostrarci a lui così come siamo?
“Un solo Dio è padre di tutti” è scritto sul calendario liturgico.
Il papà di tutti i papà, come sono solita chiamarlo quando sto con i bambini.
Io ho avuto un padre solo negli ultimissimi anni della sua esistenza, quando ho deciso di prendermi cura di lui.
Solo allora l’ho ritrovato, ci siamo ritrovati.
“Forse mi passa se abbraccio qualcuno” disse Giovanni in piena crisi d’asma.
Forse devo abbracciare Antonietta perché sia possibile l’abbraccio di Dio, il papà di tutti i papà, mio Padre, mio Creatore, mio Salvatore.
Maria tu vedi, tu vigili, tu preghi.
Grazie madre perché le tue mani giunte sono la mia forza.

Il dono

“A chiunque fu dato molto, molto sarà chiesto; a chi fu affidato molto, sarà richiesto molto di più.”(Lc 12,48)
Parli sempre difficile, mio Signore.
Il tuo linguaggio è incomprensibile per i non addetti, quelli che stanno fuori e a volte sembra addirittura una beffa per quelli che cercano di starti vicino, di seguirti, di non lasciarsi sfuggire neanche una parola di quello che dici.
Quando sto male mi dicono: “Offri al Signore le tue pene, le tue angosce, le tue tribolazioni.”
Nell’offertorio della messa si fa questo.
Un giorno pensai e mi venne un brivido, che tu moltiplichi i doni offerti, pensiero che ritenni blasfemo e che cercai di allontanare dalla mente, non senza prima averci fatto una battuta con i fratelli.
Ricordo agli inizi del cammino quello che mi disse un sacerdote.
” Sta attenta perché il Signore più gli offri, più si prende e quindi, se vuoi stare un po’ tranquilla, offri poco.”
Mi chiesi se per caso tu non fossi un orco, un divoratore di vite umane e anche quella volta pensai che quel sacerdote avesse idee non proprio ortodosse e allontanai il pensiero.
Poi però nel Vangelo ho trovato scritto che, quando più tieni pulita la casa, tanto più il demonio che hai scacciato, tende a ritornarci non da solo ma con la truppa dei suoi amici che vi si insedia e ne fa scempio.
Certo è che il demonio non ha certo piacere che noi stiamo con te, che ti apparteniamo, che ti abbiamo scelto come unico Signore della nostra vita.
Da un po’ di tempo ho cercato di allontanare l’idea che fosse il demonio a perseguitarmi e sono vissuta abbastanza tranquilla da questo punto di vista, sicura che tu, i tuoi angeli, i tuoi santi, Maria tua madre, mi avrebbero strenuamente difeso.
Cosa potevo tenere?
Ma il male, quello fisico, lungi dal darmi tregua, come al solito cambia posizione, cambia aspetto, cambia modalità, ma continua a rendermi la vita un inferno.
Non posso negare che sono un po’ arrabbiata con te.
Questa mattina, mentre dicevo il rosario, come ieri e l’altro ieri, mi è accaduto di desiderare di parlare con tua madre, la madre perfetta che ci hai donato e, scusandomi con te, le ho chiesto di starmi vicina, di provvedere, di accarezzarmi, di stringermi, di coprirmi sotto il suo manto.
Inconsciamente, devo dire la verità, ti rifiutavo perché mi sembrava inefficace la mia preghiera se rivolta a te.
È come se attribuissi a tua madre un potere maggiore di quello che tu hai.
Io non voglio che questo accada, perché so che non è vero, ma ho estremo bisogno di coccole, e di risposte umane, di rapporti umani, interventi tangibili sulla mia persona, sul mio dolore, sulle vicissitudini assurde di questa mia vita.
“Chi se non una donna, una madre può comprendere?”dicevo, relegandoti nella sfera del mondo maschile che è povera di sentimenti, che parla poco, che mira all’essenziale.
Signore mi dispiace di tutto questo e forse me ne sto uscendo fuori di testa, ma il dolore mi sta massacrando.
La notte, il letto sono diventati il mio calvario che amplifica ciò che di giorno è coperto dal fare, dalle voci e dalle persone che metti sul mio cammino.
Perché Signore non ti muovi a pietà di me?
Perché permetti che questa mia vita sia così tribolata, contrassegnata dal sigillo di un dolore che non si placa?
Perché il mio treno è sempre quello bianco, quello degli ammalati, il treno della quotidianità, il treno con tanti scompartimenti quanti sono gli organi attaccati dal male.
Ieri a Daniela, la fisioterapista, mentre invano cercava di rimettermi in asse, ho detto che mi sentivo una frattura scomposta, che tutto il mio essere umanamente mi dice che sono disgregata, un pupazzo che ha dimenticato dove ha le braccia, i piedi, la testa.
Il dolore me li fa localizzare, questo sì, ma per l’uso non c’è nulla che assolva alla sua funzione di farmi vivere la vita in modo un po’ decente.
La decenza è data dalla tregua che cerco agli attacchi del male.
Mi trovo sempre nello studio di un medico, sempre alle prese con un ago, un monitor, una sonda, un bisturi, un infermiere, un impiegato addetto alla sanità.
Ieri sono andata dal cardiologo mentre Franco è andato dal gastroenterologo che lo ha rimandato al medico di base che lo ha rimandato al chirurgo a Popoli per fare la colonscopia e poi eventualmente l’ intervento.
Io lunedì sono andata a fare gli esami del sangue lì dove Gianni tre giorni prima era andato a prenotare, dopo essere andato dal medico di base per farsi prescrivere le analisi che a lui aveva prescritto il cardiologo, dopo che aveva messo l’holter, dopo che era andato dal medico di base a farselo prescrivere, dopo quei giorni infuocati di paura per lo sbalzo di pressione che gli dava il mal di testa e quelle mie prescritte dal Centro Retina, dopo che avevo fatto l’OCT, prenotato a maggio, (la trafila la stessa), per fare la fluorangiografia e poi la puntura intravitreale con il farmaco nuovo dalle tante controindicazioni.
Il passato mi torna in gola come quando uno mangia tanto e ha il reflusso. Il futuro è pieno di incognite per non dire paura.
Sabato andrò dall’ortopedico di Bologna per vedere cosa mi sta succedendo, se è qualcosa di grave, per via delle mani e dei piedi che mi si addormentano e mi danno molto dolore.
Il presente è questo dolore persistente che mi tiene sveglia e che non mi permette di riposare neanche un minuto, è questa preghiera un po’ sgangherata, dove i pensieri si ingarbugliano come quando deraglia un treno.
Questo scrivevo nel 2011, quando ancora mi chiedevo perchè e cercavo risposte alla medicina e a Dio.
Sono passati 7 anni e da allora il Qoelet e il libro di Giobbe sono stati i battistrada per vivere il tempo e la vita come doni di un Dio che mi ha creato per amore e mi ha chiamato all’amore.
La croce è un dono, ha detto questa sera don Peppino nell’omelia, il dono più grande, anche se noi lo vorremmo rimandare al mittente.
Dio ci chiederà cosa ne abbiamo fatto.
Questa sera ho molto da meditare.

” Siate pronti!” (Lc 12,35)

 
Meditazioni sulla liturgia di
martedì della XXIX settimana del Tempo ordinario
” Siate pronti! … Beati quelli che il padrone troverà svegli, con la cintura ai fianchi e la lucerna accesa “. (Lc 12 35-37)
Svegli, pronti ad accogliere l’improvvisa incursione dello Spirito, che a volte non è proprio ciò che desideriamo, ci aspettiamo.
Perché l’essere pronti del Vangelo si riferisce a qualsiasi cambiamento di programma, delusioni, crollo delle certezze, malattie, morte, abbandoni, tradimenti, eccetera.
Essere pronti a tutto, perché il Signore si manifesti quando usciamo dallo scontato, dalle nostre previsioni, dalla logica dei nostri ragionamenti, dalla giustizia del mondo.
Voi chi dite che io sia?
Quando ti muore un figlio, quando ti tradisce l’amico più caro, quando perdi tutti i tuoi averi.
Voi chi dite che io sia?
Quando sulla nostra casa si abbatte l’uragano, quando il vento soffia tanto forte da scoperchiarne il tetto e la fa traballare, la casa che vi siete costruiti con anni di sacrifici, di pazienza, di rinunce.
Voi chi dite che io sia?
Dio  è in ciò che ci manca.
E’ allora che devi rispondere chi è Gesù per te.
Non quando tutto fila liscio e hai il pane e il tetto assicurato, i figli sistemati e un gruzzoletto in banca per affrontare la vecchiaia.
In genere le catastrofi accadono quando non siamo pronti.
Quando siamo seduti sulle nostre sicurezze, desideriamo riposarci, è umano, specie se la nostra vita è un susseguirsi di eventi che mettono alla prova la tua resistenza, che la tua fede traballi nell’incapacità di ripetere il “Fiat” all’infinito.
C’è un momento in cui desideri una tregua, poterti mettere disteso e non pensare a niente o pensare solo a te stesso…
Giovanni mi ha chiesto perché non mi faccio un po’ di più i fatti miei, perché non penso a me stessa.
Gli avrei voluto rispondere che mi annoierei da morire a parlare del dolore che mi perseguita, del combattimento quotidiano con il limite del corpo che ogni giorno si mostra in modo nuovo o uguale, a seconda dei casi.
Il dolore mi fa stare pronta a difendermi dall’ennesimo attacco del nemico, perché nei momenti di dolore e di sofferenza il mio pensiero va a Dio, cerco la connessione con Lui e con tutta la corte celeste.
Chiamo in soccorso Maria e con la mano stretta alla sua cerco di non soccombere all’attacco del male.
Ma quando ho un po’ di tregua, o quando posso evadere, uscire fuori da me stessa, lasciare che il corpo urli, che il bambino malato rivendichi le attenzioni dovute, allora mi riempio di veleno, di cibo e di cose perlopiù inutili e abbasso la vigilanza.
“Siate pronti con la cintura ai fianchi e le lampade accese, perché non sapete quando arriva il padrone.”
Mi colpisce il fatto che Dio, se trova pronti i suoi servi, si mette a servirli.
È un’esperienza che ho fatto quella che da un male nasce sempre un bene.
È il servizio di Dio.
Se il chicco di grano non muore, non porta frutto.
Così pian piano sto imparando a vivere camminando sui carboni ardenti o sull’acqua, a seconda dei casi.
Sto imparando a non sentirmi mai arrivata, brava, buona, ok.
Sto imparando che per Dio, mio Padre e Creatore, io sono sempre ok perché sono sua figlia e lui mi ama di amore eterno.
So che non si stanca, non si addormenta il mio custode.
Continuamente mi plasma, e sento le sue dita sfiorare il mio corpo che diventa sempre più  creta molle e duttile nelle sue mani.
È bello sentirsi continuamente rinnovati dalla sua mano che sfiora delicatamente questo vaso, dandogli la forma desiderata.
Sia fatta la tua volontà, mi sento di dire con convinzione sempre più grande.
Perché la storia mi ha aperto gli occhi sul fatto che il volere non è potere.
Voglio essere pronta alle sue incursioni, imparare ad andare sulle montagne russe che da piccola mi fecero tanta paura e dalle quali volli scendere il più presto possibile.
A Giovanni piacciono le montagne russe, le sensazioni estreme, Giovanni non ha paura di bruschi cambiamenti di rotta, del pericolo, perché è piccolo e si ferma solo all’emozione che la sfida gli procura.
Io oggi come allora non vorrei salire sulle montagne russe, perché continuo a temere il pericolo, perché non mi fido dell’uomo.
Ma se servisse per salvare qualcuno, vi salirei sicuramente, perché so che Lui è con me.
Io non vivo aspettando lo sposo, ma vivo con lo sposo che è in me.
Ormai è Lui che che mi tiene sveglia, che mi serve, ora che sono diventata la sua regina, la regina del suo re.
Come potersi addormentare, quando hai vicino la fonte della vita?
La sua  fragranza, il suo gorgogliare puro dalle fenditure della roccia, la sua limpidezza, non possono non attrarti, specie se la sete è di secoli, specie se quell’acqua è l’unica che ti tiene in vita.

” Quello che hai preparato di chi sarà?( Lc 12,20)

 
Meditazioni sulla liturgia di
lunedì della XXIX settimana del TO
 
” Quello che hai preparato di chi sarà?( Lc 12,20)
Si accumulano beni per se stessi fino a quando non hai dei figli o delle persone care a cui lasciarle in eredità
Prima non ti poni il problema, ammassi e basta, pensi solo a te stesso a stare bene tu e qualche volta a beneficiarne anche gli altri.
Non sempre, anzi raramente la condivisione o anche l’espropriazione di qualcosa a cui tieni molto nasce dall’amore, da una libera scelta. Il più delle volte vale la pena interrogarci sul perché lo facciamo.
Siamo fatti di carne, il seme del diavolo se non stai attento ti copre la verità e ti fa vedere solo quello che vuoi vedere nascondendoti il tuo peccato.
Per fortuna la vita ci insegna che niente delle cose materiali dura in eterno e arriva il momento della riconsegna.
Ci sono beni materiali che riusciamo a mantenere saldi e custoditi nelle nostre cassaforti, loculi cimiteriali, che saranno la gioia o la perdizione di chi li trova. Pensiamo agli enormi tesori sotterrati insieme a personaggi illustri del passato, re, faraoni, persone che si potevano permettere di costruire un mausoleo tanto grande da portarsi dietro non solo le ricchezze ma anche le persone a loro legate, condannate alla morte anzitempo per fargli compagnia o continuare a servirlo.
Per fortuna questa barbarie è finita, ma oggi assistiamo a qualcosa di infinitamente peggiore, perché se prima c’era una relazione tra la morte e il divino, la vita che continuava in una relazione sacra con gli dei in cui si credeva, oggi si fa affidamento solo sulla scienza e sulla capacità dell’uomo di protrarre la vita all’infinito.
Come si fa a cercare le cose di lassù quando gli occhi del cuore sono paralizzati sulle cose di quaggiù che più passa il tempo più ti sembrano importanti, irrinunciabili, insostituibili?
I quaggiù lo vedi, il lassù chi te lo dice che c’è? Fidarsi è bene, non fidarsi è meglio dice un proverbio.
In effetti anche noi cristiani che leggiamo il vangelo e andiamo a messa e riceviamo frequentemente i sacramenti non siamo esenti dalla paura di rimanere senza soldi, di non avere un piccolo gruzzoletto per affrontare le necessità e difficoltà che con il passare degli anni aumentano in modo esponenziale.
Il problema non sta tanto nei beni materiali che magari siamo riusciti a sottrarre al fisco, alla svalutazione, ai cattivi appetiti, ma il fatto che non siamo più in grado di produrre ricchezza, qualora ce ne fosse bisogno.
Se sei vecchio e hai bisogno di un prestito ti chiedono il certificato di sana e robusta costituzione fisica, se non sei vecchio ma disoccupato e senza beni ereditati o messi da parte vogliono sempre una garanzia.
E chi dà la garanzia se non il Signore nostro Gesù?
Non c’è altra garanzia che lui perché i nostri beni non vengano attaccati dalla tignola o dalla ruggine, la Sua provvidenza è la nostra pensione sicura.
Ci devi credere per sperimentare quanto sia vero il vangelo.” Guardate i gigli dei campi, non mettono e non seminano, eppure sono vestiti come figli di re..guardate gli uccelli del cielo..”
Un tempo eravamo ricchi e ci siamo comprati di tutto, perché ci piaceva, perché era un modo per passare il tempo la domenica quando erano chiusi i negozi e aperte le fiere.
Non abbiamo accumulato per la nostra discendenza, ma per noi, per sentirci bravi e ricchi di tante cose belle.
Ora che siamo diventati poveri e non ce la facciamo a spolverare i piani dei mobili, a muoverci liberamente per casa con il deambulatore o la sedia a rotelle, siamo stati costretti a vuotare man mano la casa, a liberarci di tutto per muoverci più agevolmente e vivere nel pulito e nell’ordine.
Grazie a Dio che nel frattempo mi sono convertita sì’ che quando riempio le buste da regalare le indirizzo a chi ne ha bisogno e mi faccio aiutare ad individuare le persone che possono trarre beneficio dalle eccedenze nostre.
Ma il bello è che ora non do solo ciò che mi avanza, ma ciò che serve all’altro, non mi preoccupa il domani perché la vera ricchezza l’ho già trovata non lassù ma quaggiù, nel mio cuore di carne dove ho riservato il posto d’onore al mio Signore.

“Avete ricevuto il sigillo dello Spirito Santo” ( Ef 1,13)

Meditazioni sulla liturgia di
Venerdì della XXVIII settimana del Tempo Ordinario
“Avete ricevuto il sigillo dello Spirito Santo” ( Ef 1,13)
“Tu mi appartieni”( Is 43,1) le parole che mi vengono in mente  leggendo  il passo della lettera agli Efesini che la liturgia oggi ci propone.
” Questa è mia, guai a chi me la tocca!” , disse mio padre, quando nacqui, nonostante fossi nera e bruttissima, parole che ancora oggi mi riempiono di felicità, che assomigliano molto a quelle pronunciate da Dio.
Sicuramente Dio era consapevole che, pur avendoci pensati belli, non lo saremmo stati, che la libertà avrebbe potuto portarci lontano da Lui, fino a rifiutarlo, rinnegarlo, mandarlo a morte.
Ogni genitore, quando concepisce un figlio non credo metta in conto questa possibilità, perchè è sicuro che l’amore che nutre per il figlio è garanzia che non si allontani mai da casa, da Lui, che gli risponda e gli corrisponda.
Ma le cose sappiamo non vanno così e spesso i figli ci fanno disperare perchè vogliono fare di testa loro.
I genitori tengono duro, ma può accadere che si stanchino di amare senza essere per niente ricambiati e abbandonano i figli al loro destino, anche se con grande dolore.
Questo accade ai genitori cosiddetti normali, che scelgono di mettere al mondo un figlio per rendere più perfetta la loro unione coniugale.
Poi ci sono quelli che i figli li fanno per sbaglio, ma poi si affezionano a loro e per loro darebbero la vita.
E poi ci sono quelli che li abortiscono quando non sono come li vorrebbero, quando vengono troppo presto o troppo tardi o con il partner sbagliato.
Dio è Padre, con la P maiuscola e di tutti i comportamenti umani uno solo vedo simile a quello  a cui ho fatto riferimento all’inizio, quello che non solo a parole ma con i fatti ama a prescindere.
“Tu sei mia, mi appartieni… ti farò mia sposa per sempre” troviamo scritto.
Cos’è il suggello dello Spirito?
E’ ciò che ci unisce a Dio che non ci molla perchè prima della creazione ci ha scelto, predestinandoci ad essere suoi figli adottivi, per opera del Figlio.
Gesù che era nel Padre da sempre è la garanzia della nostra salvezza.
L’amore che lega il Padre al Figlio, fa sì che il progetto di Dio si realizzi nella comunione e nell’unità dello Spirito.
Cristo Gesù che non ritenne tesoro geloso essere Dio, si fece uomo per salvarci ed essere capaci di rispondere, corrispondere, sposi per sempre del nostro Creatore.
A volte ho pensato, cacciandolo dalla mente, perchè mi sembrava una bestemmia, al fatto che Dio per primo ha fatto la fecondazione eterologa.
Ieri durante l’elevazione ho pensato che non era così.
Maria,  la prima dei salvati, è la prima che ha risposto a Dio amandolo come lui ci ama.
Maria è stata scelta da Dio per essere fecondata dallo Spirito, perchè era già sposa di Dio Padre, in quanto era in intima e continua connessione d’amore con Lui.
Maria è la Sposa dello Spirito Santo, ma poi anche di Gesù, passando attraverso l’educazione del Padre a cui ha risposto sempre: “Si faccia di me secondo il tuo volere.”
Si può essere poligami quando l’Amore ha un solo significato, quello del dono incondizionato di sè.

«Beato il grembo che ti ha portato e il seno che ti ha allattato!» ( Lc 11,27)

” Beati coloro che ascoltano la parola di Dio e la osservano” (Lc 11,28)
Il concetto di beatitudine cambia a seconda del tempo, del luogo, della situazione in cui ci si trova ecc ecc. Insomma la beatitudine è un valore soggettivo e in genere si considera beato quello che ha ciò che noi non abbiamo.
Se mi volgo indietro sono stata la persona più invidiata da quando ero piccola per i motivi più svariati.
I miei genitori lavoravano entrambi e questo ci faceva ritenere ricchi, anche se io non ho mai visto una lira, perchè i debiti delle famiglie d’origine di cui si erano fatti carico prosciugavano i loro stipendi.
Sono stata invidiata per l’altezza che è mezza bellezza, da persone costituzionalmente di bassa statura, anche se il mio peso superava il quintale all’età di 14 anni, ed io mi vergognavo anche di uscire di casa.
Sono stata invidiata perchè avevo molte amiche, perchè andavo bene a scuola, perchè mi sono laureata molto giovane, perchè ho trovato subito un lavoro e poi mi sono sposata un buon partito.
Ci sono tanti altri motivi che hanno suscitato in chi mi conosceva sentimenti poco benevoli ma non voglio soffermarmi su questo.
Da parte mia facevo altrettanto, anche se inconsciamente, perchè, a parer mio erano tante le cose che mi mancavano e che ho cercato di ottenere con impegno, fatica, perseveranza e qualche piccolo imbroglio tendente a coprire l’amara verità.
Non ho fatto niente mai per danneggiare gli altri, ma sicuramente ha fatto tanto per nascondere ciò che io per prima non accettavo di me.
Solevo dire comunque che ero tutta un bluff, vantandomi della capacità di mostrare quella che non ero senza troppa fatica.
Era un gioco che poi perfezionai fino a farlo diventare un’arte.
Arrivò la resa dei conti appena sposata con la malattia che mi ancorò in un letto per non so quanto tempo. Ho passato la mia vita a cercare di inventarmi la vita nel letto o nelle sue vicinanze e non posso dire che non ci sia riuscita.
Il problema comunque non era da poco e per quanta fantasia uno possa avere arriva il momento che gli spettatori abbandonano il teatro e rimani sul palcoscenico a recitare il dramma da sola senza che nessuno ti guardi, ti ascolti, si curi di te.
Fu allora che cercai un interlocutore che non si formalizzasse , una persona a cui non dovevo esibire la mia bravura, ma mostrare la mia inadeguatezza, la mia impotenza a cambiare le cose e le persone.
Mi ero illusa per tanto tempo di riuscire a ingannare anche me stessa, ma era giunto il momento di giocare a carte scoperte.
Tanta era la soma che mi ero caricata sopra le spalle per nascondere la verità che incontrare il Signore nudo, inchiodato ad una croce mi liberò dall’ansia del dover essere e mi consegnò alla verità che tanto temevo.
Veramente beata mi sentii, resa felice da Chi non giudica le apparenze e guarda il cuore, lo conosce, vede i tuoi pensieri prima ancora che si formino.
” Beata te che hai un marito che ti porta!” è oggi la voce corale che accompagna le mie sempre più rare apparizioni in pubblico.
All’inizio mi veniva il nervoso, perchè ne avrei volentieri fatto a meno, se non avessi avuto bisogno di chi mi spingesse la sedia a rotelle.
Così la beatitudine non mi ha abbandonata nel giudizio della gente, anche se la fortuna mi ha voltato le spalle.
La parola di oggi quindi mi interpella personalmente, visto che ho vissuto la beatitudine che il mondo mi attribuiva sempre come una beffa.
Quando i riflettori si spengono giunge il momento della verità.
Mi sento beata? Sono beata?
Devo dire proprio di sì, non perchè sia bella, colta, ricca, realizzata,ma perchè sono portata per mano e a volte in braccio dalla parola di Dio, che è diventata la mia droga.
Non c’è niente che possa togliermi la mia gioia, anche se tante porte si sono chiuse e nessuno più bussa alla mia e il telefono non squilla se non per vendermi qualcosa e nella posta ci sono solo bollette da pagare.
Mi accompagna la Parola di Dio che continua a confermarmi che le beatitudini del mondo hanno il tempo contato, quelle sue sono senza scadenza.
Maria è stata la battistrada di questo percorso.
Il suo Magnificat diventi il canto di ogni uomo che si sente investito dalla Grazia di Dio.

Gioia

“Chi ascolta voi ascolta anche me” (Lc 10,16)
Non sapevo, non credevo che la ricerca di una sedia quella mattina di una gelida giornata invernale mi avrebbe dato l’opportunità di ascoltare ciò che mai le mie orecchie avevano ascoltato.
Erano le parole del Salmo 98
Cantate al Signore un canto nuovo,
perché ha compiuto meraviglie.
Gli ha dato vittoria la sua destra
e il suo braccio santo.
Il Signore ha fatto conoscere la sua salvezza,
agli occhi delle genti ha rivelato la sua giustizia.
Egli si è ricordato del suo amore,
della sua fedeltà alla casa d’Israele.
Tutti i confini della terra hanno veduto
la vittoria del nostro Dio.
Acclami il Signore tutta la terra,
gridate, esultate, cantate inni!
Cantate inni al Signore con la cetra,
con la cetra e al suono di strumenti a corde;
con le trombe e al suono del corno
acclamate davanti al re, il Signore.
Risuoni il mare e quanto racchiude,
il mondo e i suoi abitanti.
I fiumi battano le mani,
esultino insieme le montagne
davanti al Signore che viene a giudicare la terra:
giudicherà il mondo con giustizia
e i popoli con rettitudine.
Mi colpì la gioia che trasudava da quelle parole, una gioia che coinvolgeva tutto il creato e che io ero lungi da avere.
Incredibile come fiumi che battono le mani mi portassero a desiderare di conoscere l’autore di così alta poesia, perchè di poesia si trattava se era stata capace di trasmettermi il desiderio di vivere quelle stesse emozioni che le vicende della vita aveva  azzerato.
Così cominciò il mio cammino di fede, da una sedia, da un dovere di sedersi per poter assaporare quel cibo che non conoscevo, che mi dà vita e di cui non posso più fare a meno.
Oggi la Parola di Dio mi nutre più di qualsiasi altro alimento, riempie i vuoti dell’anima, dà senso al dolore e alla gioia, allo smarrimento, alla ricerca, all’attesa, alla morte e alla vita, a tutto.
Anche quando la liturgia ci mette davanti testi apparentemente scollegati, lo Spirito unisce tutti sotto l’unico denominatore di un Dio che ci ama, che ci cerca, che ci vuole felici non per un momento, ma per sempre, per tutta la vita.
Così la maestosa presenza di Dio conduce Giobbe al senso della sua piccolezza, le parole del Salmo 138 mostrano la gratitudine dell’orante a Dio perchè è presenza amorevole in ogni cosa uscita dalle sue mani ( mi hai fatto come un prodigio), e anche la minaccia  alle città dove Gesù aveva svolto gran parte della sua attività apostolica ( Guai a te Corazim, guai a te  è un grido di dolore perchè si ravvedano e si verifichi in ogni uomo la capacità di fare le cose che ha fatto Lui come i discepoli a cui nel suo nome ha dato potere di guarire le malattie del corpo e  dell’anima.
(Gv 10,33-34)
«Non ti lapidiamo per un’opera buona, ma per la bestemmia e perché tu, che sei uomo, ti fai Dio».Rispose loro Gesù: “Non è forse scritto nella vostra Legge: Io ho detto: voi siete dei?”