Buone vacanze del parroco

Con questa locandina,  distribuita in modo ordinato, sui banchi della chiesa del piccolo paese dove domenica alle 11,30 ci siamo recati per partecipare alla messa, il parroco augurava "Buone vacanze". 

Fulminante apoftegma scolare
Tema:Una gita

Svolgimento: “ Domenica siamo andati a lamadonna demonteberico a chiedere la grassia per miasorela che è maritada da cinque ani e no a gnanca tosatei. Siamo andati, poi siamo pregati, poi siamo mangiati, poi siamo vegnuti a casa. O che siamo pregati male, o che non si siamo capiti co la Madona, fatostà che èrimasta insinta l’altra sorela che non è gnanca maridata”.
Pietro,3 elem.Ca’ Tron di Roncade-VI
 

L’adolescenza è in grado di stupirci, di piacevolmente stupirci. Temi così nelle grandi città è difficile che se ne scrivano. Ma basta allontanarsi dalle metropoli per ritrovare bambini non ancora smagati. Bambini che vedono con i propri occhi, che ragionano con la propria testa, non avendo dato gli uni e l’altra in appalto alla televisione. E gli occhi, e la testa (e il cuore) di un bambino non sono quelli di un adulto, non devono esserlo.
In questo periodo, mentre ci prendiamo un tempo di riposo, salviamo la nostra vita spirituale, la famiglia e gli affetti più cari….Sarà pace nel cuore, nelle case e nell’ambito della vita ecclesiale e sociale. Non mettiamo in “ferie”le nostre convinzioni e la morale!
Buon riposo, ricco di Dio e di attenzione per i fratelli!

Il Parroco

Annunci