Giustizia

 
 
Meditazioni sulla liturgia di 
domenica della  V settimana di Quaresima anno C
 
letture: Is 43,16-21; Salmo 125; Fil 3,8-14; Gv 8,1-11

“Va’ e d’ora in poi non peccare più” (Gv 8, 11)

M’interrogo Signore oggi, dopo aver letto la parola che hai consegnato alla tua Chiesa per darci istruzioni sul cammino che ci separa dalla Pasqua.
Non so cosa tu hai scritto per terra, ma sicuramente era cosa buona molto buona. Tu sei la parola, il verbo di Dio e solo qui, in questa occasione, in questo passo tu scrivi.
Ho pensato che non avevi a disposizione altro per emettere il giudizio che ti era stato richiesto, ma tu sei Dio e se avessi voluto avresti potuto trovare qualcosa di meglio per comunicare il tuo pensiero.
Sono stati scritti fiumi d’inchiostro sul mistero di quei segni che hai volutamente criptato.
La terra si sa è come la sabbia, basta un soffio di vento, qualcuno che ci cammini sopra e si cancella ciò che vi è scritto.
Forse è questo il messaggio che tu ci vuoi far passare. Davanti a te siamo tutti  adulteri,  chi più chi meno, perchè non ti mettiamo al primo posto e viviamo spesso come se non esistessi.
Siamo nel contempo anche accusatori di tutti quelli che non si comportano come dovrebbero.
I nomi degli accusati e degli accusatori oggi vedo scritti sulla quel foglio di terra che il vento è pronto a sollevare.
Tra due settimane celebreremo la Pasqua, entreremo nella terra promessa, dove non ci sono nomi scritti per terra, non ci sono condanne che pendono sul nostro capo.
Per questo Signore ti voglio lodare, benedire e ringraziare, perchè con il tuo sangue hai cancellato tutte le nostre colpe e ci hai costituiti un popolo di re, profeti e sacerdoti.
Sulla terra che ci hai preparato il vento non è riuscito a cancellare, nè mai potrà farlo la tua lettera di amore consegnata alla storia, una lettera dove emerge che noi siamo i destinatari della  tua misericordia  infinita.

“Egli tornerà ad avere pietà di noi”( Mt 7,19)

 
Meditazioni sulla Liturgia 
di sabato della II settimana di Quaresima
 
VANGELO (Lc 15,1-3.11-32)
Non c’è che dire Dio ci stupisce sempre, con le sue soluzioni inaspettate e non proprio canoniche.
La parabola del padre misericordioso che un tempo chiamavamo del figliol prodigo, ci disorienta per il modo con cui questo genitore educa il figlio che non ci sembra poi tanto pentito dei suoi errori, quanto spinto a riconoscerli per suo esclusivo vantaggio. Quando hai fame, hai sete, non hai un tetto che ti ripari, quando sei costretto a fare un lavoro da bestia per sbarcare il lunario senza trarre vantaggi per la tua vita, senza salute, amici, decoro, relazioni, è normale tornare sui propri passi, ricordando la casa di tuo padre dove non ti mancava niente.
Quanti di noi, io per prima, non tornano a casa, non si rivolgono a Dio per orgoglio, perchè non riescono a perdonarsi il fatto di essersi così tanto allontanati da Lui e aver dilapidato tutte le sostanze che generosamente ci aveva dato.
Questo figlio non è pentito, ma riconosce di aver sbagliato, allontanandosi da casa dove non gli mancava niente.
Il primo passo della conversione è desiderare quello che si è perso allontanandosi da Dio e riconoscere che l’inferno non l’ha creato Dio per la nostra dannazione, ma ce lo creiamo noi quando ci allontaniamo dalla fonte della vita.
Per anni mi sono rifiutata di chiedere a Dio la guarigione, mi sono rifiutata di rivolgermi a Lui, perchè, dicevo, non è giusto che uno si ricordi di Lui quando è nel bisogno.
“Quando sarò guarita pregherò” rispondevo a quelli che mi volevano convincere del contrario e ci fu una persona che esclamò :”Quanta superbia!”.
Parole che non capii, perchè a me non è mai piaciuto usare le persone, figuriamoci Dio!
Dicevo all’inizio che Dio ci sconvolge con i suoi comportamenti e agisce molto meglio di quanto noi sappiamo fare o pensare.
Certo è che per fare esperienza di quanto grande sia la sua misericordia devi toccare il fondo, perchè quando l’orgoglio non ti serve a procurarti il cibo necessario per vivere, gli amici, il denaro, la salute, gli affetti, abbassi la testa e tendi la mano.
Così è avvenuto per me che, strada facendo, ho fatto esperienza di quanto conti poggiare sulle forze, sulla grazia di Dio per affrontare qualunque nemico.
Dio è in ciò che ci manca, ho letto da qualche parte ed è straordinariamente vero.
La giornata di ieri, se la racconto è da incubo con la corrente elettrica che è andata via dall’una della notte e ci ha lasciato senza acqua, luce, riscaldamento, telefono, televisione, connessione internet, ascensore(che sarebbe il meno, se io camminassi con le mie gambe).
A questo si aggiunga la chiusura delle scuole con i bambini che non sapevano, oltre i compiti, come passare il tempo, visto che anche la batteria e il basso che sono i loro inseparabili compagni di viaggio, vanno a corrente, come computer, telefonini, smartphone che nessuno aveva provveduto a mettere in carica.
Giovanni mi ha detto che era tutto morto, non funzionava niente e l’unica cosa da fare era …
Ci siamo inventata una giornata alternativa, parlando del tempo passato, quando tutte queste cose non c’erano.
Abbiamo avuto modo di giocare a indovina città, di ricordare i momenti belli e brutti della nostra vita, abbiamo letto e scritto pesie, abbiamo condiviso passioni, bisogni, ricordi, speranze.
Tutto questo in una giornata no da tutti i punti di vista, quasi tutti, perchè Dio sa di cosa abbiamo bisogno e la necessità ci fa stringere gli uni agli altri per non sentire la sferza del freddo.
E pensare che solo domenica, quando Giovanni mi è stato affidato perchè aveva la febbre , mi sono tanto arrabbiata con lui che gli ho detto parole che mai gli avevo detto, parole come spade che ti tagliano in due e ti dilaniano.
Gli ho chiesto scusa dopo, gli ho chiesto di perdonarmi perchè se lui si era comportato male chattando con il telefonino e guardando con il terzo occhio la TV mentre gli chiedevo cosa gradiva mangiare, io ero stata una cattiva educatrice, rispondendo al male con un male più grande che è quello di ritirare da lui ogni benedizione.
Un giorno di digiuno dalla follia mediatica e cnsumistica che ha avvicinato il cuore e ci ha ridato speranza.
Alla sera, stremata sarei andata volentieri a letto nascondendomi sotto mille strati di coperte.
Ma avevamo un impegno grande: quello di incontrare i genitori dei fidanzati.
Ogni volta che c’è questo appuntamento si scatenano le forze del male e i sintomi dolorosi si accentuano a tal punto da venire meno.
Succede, è successo sempre così.
Ma il Signore è la nostra forza e questa volta ha messo tutto lui, perchè eravamo proprio con le batterie a terra.
Neanche un foglio abbiamo potuto stampare delle cose da dire, ma alla rinfusa nel cassetto ho trovato ciò che forse mi sarebbe servito.
Nè con Gianni avevamo avuto modo di metterci d’accordo su come condurre l’incontro.
Ero così convinta che non sarebbe venuto nessuno che avevo pregato padre Vincenzo di rimandare tutto, ma non ne ha voluto sapere.
Dio ha provveduto a farli venire numerosi e a renderli attenti, interessati a quello che lui ci avrebbe ispirato.
Abbiamo per l’ennesima volta sperimentato che , quando non hai niente da portare porti Cristo nella sua interezza.
Io spero che se non proprio tutto, un frammento della sua luce, sì da far venire loro la voglia di incontrarlo di persona, l’abbiamo portato.
Per questo voglio ringaziare lodare e benedire il Signore che tiene sempre aperte le porte della sua casa perchè non ci facciamo problemi a ritornarvi nei momenti cruciali.

Riconciliazione

 
 
Va’ prima a riconciliarti con il tuo fratello.( Mt 5,24)
 
Mi rendo conto di quanto sia difficile perdonare chi non mi accetta per quella che sono, chi mi giudica, chi rimette in discussione le mie certezze acquisite.
Il mio inferno è quando non sono in armonia con la mia storia e con le persone che con me l’hanno fatta.
Chiedo al Signore di appianarmi la strada del perdono, lo supplico perché mi dia buoni sentimenti e sulla mia bocca metta parole di pace.
Come posso pensare a quelli che non vedo, alle anime Sante del Purgatorio, se non riesco qui su questa terra a dare pace, perdono alle persone che mi hanno offeso?
In questo momento penso ad un’amica con la quale c’era un po’ di ruggine.
Ieri su Facebook ha scritto: “Riapro Skype” che significa riapro il cuore.
Così almeno l’ho intesa.
Un tempo ci parlavamo ogni giorno, ma da mesi non ci parliamo più, da mesi non ci guardiamo negli occhi, servendoci di questo strumento formidabile che ci permette, a chilometri di distanza, non solo di ascoltarci ma anche di vedere l’ambiente in cui uno si muove e anche tutto ciò che condiziona, favorisce la comprensione, l’accettazione o il rifiuto di quello che si sta dicendo.
” Riapro Skype”, è un messaggio di riconciliazione.
Questo lo so ma io non sono pronta.
Sono pronta a offrire i dolori per le anime del Purgatorio, a fermare le guerre (ci si sente onnipotenti ma vorrei che mai questo pensiero mi sfiorasse) , che aprire di nuovo la porta a questa amica tramite Skype.
Ho paura di soffrire, ho paura di sentire la non verità di un rapporto. Ho paura di essere aggredita, non capita. Ho paura delle non verità.
Lo so Signore che quando ti hanno condannato a morte tu hai smesso di parlare e il tuo corpo ha parlato per te.
Lo so, Signore, che il silenzio è più eloquente di qualsiasi discorso, se uno vede, apre gli occhi.
In fondo nella Via Crucis tu non parli se non per dire poche ed essenziali parole.
Me le voglio ricordare
“Ho sete!”
“Oggi sarai con me in Paradiso.”
“Padre perché mi hai abbandonato?”
“Sia fatta la tua volontà e non la mia.”
“Padre perdona loro perchè non sanno quello che fanno”
Di queste l’unica che oggi sento di poter fare mia è “ Ho sete!”
Sete di te Signore, della tua pace, della tua gioia, del tuo perdono.
Signore tu sei morto per i nostri peccati, sei morto per i miei no alla vita, i miei no ai fratelli, la mia durezza di cuore, il mio egoismo, la mia autosufficienza, il mio orgoglio .
Sei morto per me e, mentre stavi dando tutto a noi, hai detto:” Ho sete!”
Di cosa Signore avevi sete? L’ avevi detto anche alla Samaritana che era andata a prendere l’acqua al pozzo.
Volevi il suo contenitore, la sua brocca, per riempirla.
Tu Signore, per placare la tua sete hai bisogno di contenitori, però, di case che ti accolgano, che ti ospitino, che ti dichiarino Signore della vita.
Vuoi la mia brocca Signore?
Eccola!
Non garantisco che tenga, che sia pulita, non lesionata, capiente quanto basta.
Non garantisco nulla Signore, perché sei tu la garanzia del mio sì all’amore, si al perdono.

 
(2Cor 5,19)
Dio ha riconciliato a sé il mondo in Cristo,
affidando a noi la parola della riconciliazione

Il perdono

” Pregando non sprecate parole”(Mt 6,7)
Hai ragione Signore a ricordarci che quando preghiamo non dobbiamo sprecare parole e dire l’essenziale, ciò che ci serve per stare bene.
Tu sai di cosa abbiamo bisogno ed è inutile ricordartelo. Ci vedi, ci conosci, ci hai fatto tu. Conosci i nostri pensieri prima ancora che giungano alla mente, vedi tutto ciò che ci accade senza filtri perchè sei in cielo in terra in ogni luogo e niente ti è nascosto.
Tu sei padre, sei nostro padre perchè ci hai creato e non possiamo nè dobbiamo dimenticarlo. Purtroppo lo facciamo spesso e ci perdiamo. Il difficile sta nel sentire, nel percepire che non siamo figli unici e che non possiamo prescindere dagli altri, che non possiamo fare a meno degli altri, che dobbiamo farci carico degli altri, come accade in qualsiasi buona e sana famiglia dove si vive amandosi e condividendo tutto quello che c’è.
Ricordo , quando ero bambina, quanto mi pesava dividere con i miei fratelli il poco cibo che mamma preparava, specie se avevo tanta fame o era una cosa golosa come le patatine fritte o un dolce.
Ricordo che mi pesava condividere la stanza con le mie sorelle perchè  non ero libera di accendere o spegnere la luce a mio piacimento. Tante cose mi sono pesate nella mia infanzia, tutte derivanti dalla necessità di condividere lo spazio, il cibo e anche il bagno.
Oggi Signore tu ci ricordi ciò che è essenziale per vivere nella tua casa e stare bene.
Mi ha colpito la conclusione del vangelo di oggi.
” Se infatti perdonerete agli uomini le loro colpe ,  il Padre vostro celeste perdonerà anche a voi”, parole che rispondono a quelle che mi risulta più difficile da pronunciare” Rimetti a noi i nostri debiti come noi li rimettiamo ai nostri debitori”.
Del Padre nostro che ci hai insegnato è la parte che sono sempre tentata di saltare per paura che tu mi prenda sul serio perchè sai che non sono capace di perdonare come tu hai fatto e continui a fare  noi che siamo peccatori impenitenti.
Ma se tu ribadisci questo aspetto del rapporto tra noi figli tuoi, evidentemente è il più importante.
Che sia santificato il tuo nome, venga il tuo regno, sia fatta la tua volontà allora dipende da noi, visto che insisti così tanto sulla necessità di perdonare.
Allora viene da chiedersi: a chi giova?
A te forse a cui non manca niente o a noi?
Nel Padre nostro chiediamo le cose che ti servono o ci servono?
Non credo anzi sono certa che tu ci ha suggerito le parole giuste perchè sai di cosa abbiamo bisogno.
Il perdono è un superdono, un donissimo, che riceviamo da te. La tua paternità ritrovata riscoperta, donata con il Battesimo e nel Sacramento della Riconciliazione è frutto del tuo amore che non guarda a quanto siamo bisognosi di essere assolti dalle nostre inadempienze, quanto al desiderio di stare con te, rimanere nella tua casa e farci aiutare in tutto ciò che non riusciamo a fare.
Tu solo puoi renderci capaci di fare lo stesso dono ai fratelli, tu solo Signore puoi portare pace e renderla stabile nella famiglia che ti sei scelto. Tu ci chiedi di non monopolizzarti, di condividere il dono grande immenso che ci hai fatto morendo sulla croce. La condivisione dell’amore non ci toglie nulla anzi aumenta la nostra capacità di estendere a vicini e lontani la tua tenerezza, il tuo abbraccio, la tua cura costante.
Svuotandoci ci riempiamo e ci dilatiamo. E’ questa la tua volontà, è questo il tuo regno dove i tuoi figli gioiscono nello stare insieme e nel sentirsi una sola cosa con te.
A Maria voglio dire grazie perchè ogni volta che prego il padre nostro mi aiuta a dire con convinzione e fede “sia fatta la tua volontà”.

Mercoledì delle ceneri

“Prega il Padre tuo che è nel segreto”(Mt 6,6)
Ogni volta che si presenta la Quaresima mi trovo a fare un bilancio della mia vita che , più passano gli anni, più mi sembra una Quaresima che non ha mai fine.
Il deserto si estende a vista d’occhio anche nel tempo ordinario e straordinario.
Concludevo ogni anno dicendo che la mia vita è una continua rinuncia e che non aveva senso il digiuno che almeno il mercoledì delle ceneri è canonico, imposto, prescritto dalla legge.
Ricordo all’inizio di questo cammino, 16 anni fa, quando alla lettera cercai di mettere in pratica il digiuno a cui ci aveva obbligato don Gino.
Stetti così male con pane ed acqua che uscii e per distarmi mi comprai due o tre vestiti.
Capii che non era la via giusta e così mi sforzai di entrare nello spirito vero autentico di questo periodo quaresimale in preparazione alla Pasqua, ma alla fine non credo di aver fatto tanti passi avanti, perchè non so digiunare, non ci riesco, non riesco a fare a meno di certe cose che sento indispensabili per il mio equilibrio traballante.
Mi sforzo, questo sì, ma alla fine mi ritrovo a fare le cose di sempre, sempre meno in verità, cercando spasmodicamente l’oasi in cui riposarmi e riprendere fiato.
Quell’oasi è Gesù, il Signore, è Maria, è la preghiera, l’Eucaristia, la percezione di una presenza che si fa sempre più intima stabile penetrante dentro il mio cuore.
Cosa dirti Signore oggi, di diverso da ciò che negli anni ti ho detto in questo giorno?
Non ti prometto di fare sacrifici ancora più grandi, non ti prometto digiuni che mi martirizzano e aumentano il mio star male, non ti prometto niente che poi so non essere capace di mantenere.
Ti chiedo invece la grazia di vivere questo tempo in intima comunione con te, di farmi docile strumento nelle tue mani, di abilitare tutti i miei sensi a riconoscere te che passi e ti fermi e non mi lasci sola nelle battaglie di questa vita spesa per te e per i miei, i tuoi, la mia e la tua famiglia Signore.
Abbiamo sperimentato nell’anno che ci siamo lasciati alle spalle quanto sia duro, difficile, impossibile combattere da soli contro la divisione, il giudizio, il pregiudizio, l’orgoglio, la presunzione, l’autoreferenza , contro il principe dei demoni che attacca l’amore e cerca di estirparne le radici.
La cenere un tempo la si usava per fare il bucato, cenere mischiata all’acqua.
Ricordo il profumo delle lenzuola di mamma dopo essere state esposte al sole e bagnate di tanto in tanto.
L’acqua è essenziale nel deserto, altrimenti si muore, la cenere è come il fango con cui tu hai creato il primo uomo, il fango con cui hai guarito il cieco nato, è un simbolo di caducità, di mortalità, ma richiama alla mente il concime con cui i nostri padri favorivano la crescita robusta delle piante e poi quel bianco e quel profumo dei panni lavati.
Voglio pensare a tutto ciò che tu Signore trasformi, a partire dal nostro pentimento perchè siamo cenere e cenere torniamo e ci crediamo i padroni del mondo, della nostra vita, capaci di pianificarla e piegarla secondo i nostri desiderata.
Voglio Signore in questo tempo che mi doni di vivere, chiamandomi in disparte, incontrarti lontana dalle luci del mondo, nel silenzio di una natura incontaminata, nel giardino del tuo amore eterno e misericordioso.
Donami Signore orecchie attente, sguardo limpido, cuore aperto, braccia pronte per tenderle a te e accoglere il dono che tu ci fai del tuo amore.
Le mani aperte ti chiedo Signore, senza paura che scivolino via le cose a cui tengo di più, le mie sicurezze, le mie paure, la mia malattia maschere che vorrei togliere oggi che il Carnevale è finito.
La malattia, il fallimento i ricalcoli dolorosi che siano sempre più visti dalla tua angolazione, dal tuo punto di vista, occasioni di grazia e di preghiera.
Signore che tu cresca e io diminuisca, che gli altri, i poveri in cui tu ti nascondi si sentano guardati e abbracciati da te quando riesco a toccarli uscendo fuori dalla mia terra, dal mio appartamento. Signore che io la smetta di mettermi al centro dell’attenzione, che occupi l’ultimo posto e aspetti che tu mi inviti a fare un passo avanti e a sedermi al tuo fianco perchè vuoi che io sia per te sposa per sempre.

L’arca dell’alleanza

Maria, arca dell’alleanza.
” Siate forti e siate uomini” (1 Sam 4,9)
Sono le parole che i filistei pronunciano appena vedono l’arca dell’Alleanza portata in campo dagli Israeliti.
I Filistei sono presi da timore, hanno paura del Dio d’Israele che aveva dato prova di essere superiore ad ogni altro dio, per questo fanno appello a tutte le loro forze per vincere il nemico che avevano di fronte.
E così fu.
Questa pagina ci sconcerta perchè non basta portare in campo l’arca dell’alleanza come fosse un amuleto per vincere.
Altre volte assistiamo a sconfitte dolorose del popolo d’Israele, deportazioni, carestie, diaspora: delusioni cocenti.
La più cocente è quella di stare ancora ad aspettare il Messia come colui che ti fa diventare tanto forte e potente da non aver più timore di essere sottomesso da qualunque nazione.
Molto spesso ci attacchiamo ad un rosario, ad un immagine benedetta, ad una devozione per piegare Dio alla nosta volontà.
Andiamo in chiesa per convincerlo a fare la nostra volontà, ad esaudire i nostri desideri, non a chiedere di conoscere e fare nostra la sua volontà.
Nonostante siano passati tanti anni la storia si ripete e non abbiamo imparato la lezione che attraverso l’incarnazione e la morte di Gesù ci farebbe sentire invincibili.
Quale arca dobbiamo portare nel campo di battaglia? Cosa deve contenere l’arca?
L’arca è la casa in cui Dio ha deciso di abitare non per le opere della legge, ma per sua grazia.
“Un corpo mi hai dato, sul rotolo el libro è scritto di fare il tuo volere” è scritto.
Se permettiamo a Dio di entrare dentro di noi, se ci lasciamo purificare dalla lebbra che ci isola e ci tiene lontani dalla comunione con i fratelli, Dio è con noi e ” Chi sarà contro di noi?”.
Ma dobbiamo avere la necessaria umiltà di chiedere a Dio ciò che ha chiesto il lebbroso, nella consapevolezza che siamo malati e che solo lui ci può guarire.
La fede è l’unica arma in grado di sconfiggere la lebbra della divisione (diavolo, il divisore dal greco diàballo), dell’incomprensione, dell’odio, dell’invidia, dell’orgoglio, della presunzione, dell’avarizia, dell’auosufficienza, il demone che ci frantuma e ci disperde, il demone che non ci fa essere una sola cosa con Lui.
Quanta strada ancora da fare Signore! Quanto mi riesce difficile dire ” sia fatta la tua volontà” che ogni giorno nel padrenostro ripeto più volte con le labbra e non con il cuore!
Congiungi, unisci Signore il cuore e la mente, radunaci da tutte le parti del mondo in cui siamo stati dispersi e fà che non ci sentiamo pecoroni se decidiamo di essere un solo gregge sotto un unico pastore.
Maria insegnami a fare la volontà di Dio anche e soprattutto quando confligge con il buon senso e la giustizia, quando mi sembra troppo crudele e inaccettabile.
Intercedi perchè io sia guarita dalla lebbra più grave che è quella che mi tiene separata da Dio.

Aperture

 
Meditazioni sulla liturgia di lunedì 
della II settimana di Avvento
 

VANGELO (Lc 5,17-26)
Un giorno Gesù stava insegnando. Sedevano là anche dei farisei e maestri della Legge, venuti da ogni villaggio della Galilea e della Giudea, e da Gerusalemme. E la potenza del Signore gli faceva operare guarigioni.
Ed ecco, alcuni uomini, portando su un letto un uomo che era paralizzato, cercavano di farlo entrare e di metterlo davanti a lui. Non trovando da quale parte farlo entrare a causa della folla, salirono sul tetto e, attraverso le tegole, lo calarono con il lettuccio davanti a Gesù nel mezzo della stanza.
Vedendo la loro fede, disse: «Uomo, ti sono perdonati i tuoi peccati». Gli scribi e i farisei cominciarono a discutere, dicendo: «Chi è costui che dice bestemmie? Chi può perdonare i peccati, se non Dio soltanto?».
Ma Gesù, conosciuti i loro ragionamenti, rispose: «Perché pensate così nel vostro cuore? Che cosa è più facile: dire “Ti sono perdonati i tuoi peccati”, oppure dire “Àlzati e cammina”? Ora, perché sappiate che il Figlio dell’uomo ha il potere sulla terra di perdonare i peccati, dico a te – disse al paralitico –: àlzati, prendi il tuo lettuccio e torna a casa tua». Subito egli si alzò davanti a loro, prese il lettuccio su cui era disteso e andò a casa sua, glorificando Dio.
Tutti furono colti da stupore e davano gloria a Dio; pieni di timore dicevano: «Oggi abbiamo visto cose prodigiose».
Parola del Signore

” Coraggio non temete!”( Is 35,4)
Ogni volta che mi trovo in un particolare stato di sofferenza e di prostrazione mi si ripropongono, quasi per magia parole di speranza, di guarigione, di salvezza.
Ne ho bisogno senza dubbio, ma non sempre riesco subito a farle mie perchè, non è che l’età ci tolga i problemi, anzi infierisce sulle nostre stanche membra, fiaccate da tante battaglie e aumenta per così dire la dose di quello che naturalmente tocca ad ognuno, se non viene meno prima.
Il peso di una vita avara di gioie sembra offuscare il cielo che a Natale è terso, almeno  quello dei presepi di cartapesta, per distinguere la stella cometa che ci porterà davanti a Gesù.
Lui viene nonostante noi ci ostiniamo a non costruire strade percorribili,  per andare incontro all’altro nella nostra convulsa o statica quotidianità.
Se ci facciamo caso i personaggi del presepe non sempre sono posizionati in luoghi accessibili e rimangono fermi perchè nessuno ha provveduto a spianargli una strada.
Me lo fece notare Giovanni, il primo dei miei nipoti, quando orgogliosa gli presentai il mio capolavoro con monti, fiumi, laghi e cielo stellato e tante tante statuine.
Dicevo che fu lui ad accorgersi che in tanta perfezione incastonata negli anfratti della grande libreria della sala,  per la maggior parte dei personaggi, a meno di precipitare, non c’era una via che portasse alla grotta.
Giovanni Battista ieri ci viene presentato come uno che prepara la via del Signore, grazie a Dio, e nel Vangelo Gesù sempre ieri,  invitava a pregare perchè il padrone della messe mandasse operai alla sua messe.
Oggi vediamo gli operai all’opera che sfondano il tetto della casa dove si trova Gesù e ci fanno scendere un paralitico.
L’effetto immediato di tanto sforzo è un’assoluzione dai peccati che crea scandalo negli astanti.
La via che Giovanni ha preparato è una via di conversione, di pentimento, non una panacea di lunga e prospera vita su questa terra.
La via è quella di un serio esame di coscienza per prendere atto di quanto abbiamo bisogno della misericordia di Dio, del segno che attraverso Gesù Dio ci ha dato, sacrificando suo figlio.
Domani il papa inaugura, aprendo la porta santa,l’anno della misericordia,  il giubileo straordinario.
Guarda caso che la misericordia ha bisogno sempre di passare attraverso una via, una porta, una strada che il Signore percorre incontro a noi e che noi dobbiamo percorrere per rifugiarci nelle sue braccia.
( misericordia e coraggio hanno a che fare con il cuore)
Non sempre il Signore trova aperte le porte, spalata la neve davanti agli usci delle case, abbattuti i muri dell’orgoglio e dell’autosufficienza, non sempre il Signore riesce a farci partecipi del suo perdono, a rendere operante il suo sacrificio.
Per questo ogni anno viene Natale, ogni anno festeggiamo il suo compleanno perchè impariamo a costruire le strade, a sfondare i tetti, a farci aiutare eventualmente siamo paralizzati su un lettuccio.
Ogni anno rifletto su quante cose nel tempo sono venute meno, quante persone mancano all’appello, quanta solitudine mi circonda e prego perchè non mi sfugga l’occasione di cogliere  nel mio giardino i fiori che il Signore vi ha piantato o aspettare che germoglino in primavera.
Che non sia il Natale il tempo della tristezza e della nostalgia, ma un tempo di speranza e di vita che s’impone più forte, più bella, più vera, un tempo di preparazione della via del Signore.