“Quanti sperano nel Signore corrono senza affanno”. (Is 40,31)

L'immagine può contenere: spazio all'aperto e natura
“Quanti sperano nel Signore corrono senza affanno”. (Is 40,31)
Benedici il Signore anima mia, non dimenticare tanti suoi benefici.
Benedici Signore questo tempo che mi doni di vivere.
Benedici i miei pensieri.
Benedici i miei dubbi, le mie paure, benedici il mio smarrimento, Signore, di fronte a tutto quello che mi accade.
Benedici la gioia e il dolore, la salute e la malattia, la giovinezza e la vecchiaia, la morte e la vita, la rinuncia, il sacrificio.
Benedici Signore i nostri sì, anche quando non sono convinti e confermati con le opere.
Benedici gli smarrimenti davanti al venir meno delle forze, delle capacità della mente, benedici Signore anima mia, non dimenticare tanti suoi benefici.
Ti voglio lodare, ringraziare perché sei un Dio buono, non hai considerato un tesoro geloso la tua potenza, la tua grandezza, ma hai voluto donarla a noi, perché mi hai generato e noi siamo tuoi.
Se guardo il cielo opera delle tue dita, chi è l’uomo perché te ne curi?
Eppure l’hai fatto poco meno degli angeli, di gloria e di onore lo hai coronato, tutto hai posto sotto i suoi piedi.
Signore chi sono io perché tu mi presti ascolto?
Sono polvere, sono piccola, sono niente di fronte alla grandezza dell’universo.
Ma io sento che tu sei qui vicino a me, in questa mano che non si vuole arrendere a scrivere di te, a scrivere le tue meraviglie, non si vuole arrendere anche se mi fa male, mi si addormenta, diventa di legno.
Mi chiedo come farò a cantare le tue lodi quando cesseranno di funzionare i miei occhi e le mie mani giaceranno inerti, quando la mia mente non ricorderà più nulla e il mio corpo giacerà immobile.
Come farò a testimoniare il tuo amore quando la bocca non emetterà più alcun suono, quando la vita abbandonerà pian piano ogni organo e il cuore rallenterà i suoi battiti?
Come potrò dire al mio Signore grazie, come potrò al mondo proclamare che tu solo sei il Signore, come ai miei figli dire “il Signore è grande!” e glorificare il tuo nome?
Come Signore potrò mettermi in comunicazione con te, quando la luce pian piano si attenuerà e sui miei giorni calerà la notte e arriverà l’ora della riconsegna di tutto quanto tu mi hai affidato nella vita?
Veramente tanti sono i tesori che hai messo nelle mie mani, tante le opportunità di crescere, tante quelle per farle fruttare Signore!
Troppo grandi i tuoi pensieri!
Il mio cuore si smarrisce nel tuo mistero d’amore, nel mistero racchiuso nella mia vita.
Ti ringrazio perché mi hai fatto vedere il rovescio della medaglia, mi hai portato per mano a capire la differenza tra bene e male, tra ciò che è importante ciò che non lo è.
Grazie Signore perché mi hai fatto uscire dall’isolamento, mi hai liberato dalla schiavitù del dover essere, mi hai mostrato che non sei un Dio di vendetta, ma un padre di misericordia.
Signore non mi far mancare mai la tua presenza.
Fa’ che mai io ti senta lontano, distratto, assente.
Mai Signore percepisca l’abbandono, la solitudine che ha caratterizzato gran parte della mia vita.
Mai Signore io pensi che la mia indegnità sia troppo grande per bussare alla tua porta, per farti entrare nella mia casa.
Mai Signore della vita che io pensi che mi hai abbandonato.
Signore la mano tu sai non riesce a procedere su questo foglio, ma la mia preghiera continua con più fervore nel silenzio e nel raccoglimento di quest’ora, in questo incontro speciale con te e con Maria la madre che non cessa mai di pregare per me e con me.
Ti amo Signore mia forza, mia roccia, mia potente salvezza, mio potente liberatore.
Annunci

“L’anima mia magnifica il Signore” (Lc 1,46)

 preghiera2bdi2blode
“L’anima mia magnifica il Signore” (Lc 1,46)
Ringraziare per ciò che si è ottenuto è abbastanza facile ma non scontato, ringraziare e lodare il Signore a scatola chiusa è cosa straordinaria se non impossibile.
Maria, la prima dei salvati, accoglie il progetto di Dio sulla sua vita senza porsi domande, fidandosi completamente di Lui.
Anna magnifica il Signore perchè è stata esaudita nella sua preghiera e mantiene la promesa di consacrare il figlio al Signore.
Due esplosioni di gioia che escono dalla bocca di due donne che in modo diverso sono state scelte da Dio per realizzare il suo progetto d’amore su tutto il popolo d’Israele, su tutti i suoi figli.
Dicevo che non è facile ringraziare e il papa ci ha ricordato che una delle tre parole magiche che portano la pace in famiglia e fanno stare bene è “grazie!”
Non è un caso che l ‘Eucaristia si chiami così, rendimento di grazie.
Gesù nell’ultima cena benedice il pane e il vino prima di darlo ai suoi amici tra cui c’era anche il traditore. E questo è sembrato uno sbaglio
Nel racconto della moltiplicazione dei pani e dei pesci Gesù benedice , dice bene non dell’abbondanza , ma del poco che c’è, che si è riusciti a trovare, perchè avvenga il miracolo.
Benedire è dire bene di una cosa, a prescindere dal vantaggio immediato che ne consegue.
Dio benedisse tutta la creazione e disse che era cosa buona, anzi molto buona quando creò l’uomo mascio e femmina, vale a dire la famiglia umana.
A guardare come vanno le cose c’è molto poco da benedire, dire bene, perchè sono più le famiglie che si sfasciano che quelle che stanno in piedi.
Eppure Dio ha fatto bene ogni cosa e non è possibile che si sia sbagliato.
Dobbiamo attendere, questo è quello che ho imparato in questo cammino affascinante e faticoso, difficile e straordinario, perchè faccio esperienza quotidiana della novità racchiusa in ogni cosa.
Dicevo quindi della difficoltà a ringraziare per quello che non vedi non senti non tocchi.
Ringraziare in bianco.
Ricordo che la prima preghiera che insegnai a Govanni il mio nipotino non fu nè un padrenostro, nè un’avemaria e neanche un angelo di Dio.
Era da poco passato il Natale e io di catechismo letto sui libri ne sapevo meno di niente.
Allora mi venne un’idea… in verità fu lo Spirito che me la suggerì.
“Per che cosa vogliamo ringraziare Gesù? “gli chiesi a bruciapelo mentre si stava catapultando sul cibo ghiotto che gli avevo preparato
“Per le patate! ..e pei colori!…” “allora io lo voglio ringraziare perchè tu sei qui! ” ” e io perchè papà mi ci ha portato!” “e io per il sole!” ” Si nonna voglio ringraziare anche io per il sole così possiamo andare a giocare in giardino”.
Da allora il grazie è diventata un’esigenza, che, se prima era collegata ad un bene usufruibile subito, ora è basato sulla fiducia in Dio che fa bene tutte le cose.
Dovrebbe venire più spesso Natale per imparare ad attendere, per fare dell’attesa il tempo opportuno per incontrare il Signore e cantare a lui il nostro Magnificat

“Il Signore tuo Dio in mezzo a te è un salvatore potente” ( Sof 3, 17)

“Il Signore tuo Dio in mezzo a te è un salvatore potente” ( Sof 3, 17)
Questa mattina voglio riflettere sulla gioia che nasce dall’incontro tra due persone.
Nel giro di pochi giorni viene riproposto lo stesso passo di Luca sulla visitazione di Maria alla cugina Elisabetta.
Protagonista è la gioia dell’incontro, il riconoscere la presenza del Signore ed esultare.
“Appena Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria, il bambino le sussultò nel grembo”
A riconoscere Gesù quindi non fu Elisabetta ma Giovanni, il precursore, prima ancora che venisse alla luce.
Giovanni comunica la sua gioia alla madre che fu piena di Spirito Santo.
E’ lo Spirito Santo infatti che poi suggerisce ad Elisabetta parole di benedizione e di giubilo per la presenza di Dio in mezzo a loro.
Un Dio nascosto che si rivela quando si riconosce la sua voce, quando emerge dalla memoria la meraviglia dell’inizio, nostalgia di un oceano che eri abituato a solcare, senza paura, di un giardino che il Signore ha custodito e coltivato per te, da quando te ne sei allontanato.
Penso che l’esperienza di incontri particolari che ti fanno balzare il cuore nel petto, li facciamo un po’ tutti, anche se la fretta spesso ce li fa dimenticare.
Sono incontri che ti fanno stare bene, incontri in cui presente passato e futuro diventano un punto luminoso di pace, di gioia di amore condiviso.
Il tempo degli amori giovanili è passato e io pensavo che alla mia età il trasalimento del cuore, la commozione nell’incontro degli sguardi, nelle strette di mano, nel calore della vita che fluisce dalle parole non mi sarebbero più toccati.
“Ormai sono vecchia” sono solita dire e non mi aspetto le sorprese di Dio, le sue incursioni in normali giornate di fatica e di servizio, di svago e di lavoro.
Non me l’aspettavo sabato, quando abbiamo deciso di non andare a fare rifornimenti per la settimana nelle cattedrali del consumismo, i supermercati dove trovi tutto quello che vuoi e anche quello che non sai di volere.
Siamo andati al mercato che si tiene ogni sabato in un paese che è il prolungamento della città in cui noi viviamo.
Un mercato con tante bancarelle dietro le quali il volto, il sorriso, la stretta di mano si fa storia che ti parla in modo più eloquente della merce esposta.
Ogni volta che ci andiamo il cerchio si allarga e si moltiplicano i sorrisi, anche se non compriamo niente, ma non lesiniamo il tempo per stare un po’ con chi aspetta che qualcuno si fermi.
Io li chiamo i luoghi del cuore, scintillanti di giorni che sarebbero senza senso, senza la pace che ti lasciano certi incontri, senza il desiderio di tornare per condividere ciò che Dio dona ogni giorno ogni mattina, a tutti.
La cosa che più mi piace è portare senza farmene accorgere le persone a vedere il bello e il buono in quello che hanno, che a loro capita.
E’ come se aiutassi le persone a ritrovare ciò che hanno perso.
La gratitudine e la gioia nei loro volti è il segno che la messa non è finita, quella a cui partecipiamo prima di fare le nostre escursioni in quel mondo che sembra tagliato fuori dal tempo.
Voglio ringraziare il Signore perchè fa nuove tutte le cose quando lo porti nel cuore.

Benedire e non maledire

 

f25a9-729362471

“Non lamentatevi”(Gc 5,9)

E’ una parola, non lamentarsi quando non c’è una cosa che vada nel verso giusto, quando le forze ti abbandonano e la pazienza la devi cercare con il lanternino.
Io sono una che in genere sopporta tutto, una buona incassatrice e ce ne vuole per farmi perdere le staffe. Diciamo che non sono una maldicente, che mi fido delle persone, che le mie sfuriate durano il tempo che trovano.
Trovo una scusante per tutti, rimettendomi continuamente in discussione.
Sono una donna pacifica e, se ho perso delle amicizie, è perché non permetto a nessuno di parlare male di persone che non sono presenti.
E invece ho capito, ho visto, ho constatato che maledire è più comodo che benedire, che la materia prima di ogni incontro, relazione pubblica o privata è cercare ciò che non va, non funziona, che si deve cambiare, che si deve rottamare, che si deve sostituire.
Siamo ogni giorno spettatori di tutto questo, amplificato dai mass media.
C’è Giovanni il mio nipotino ormai quattordicenne che passa il tempo a chattare con i suoi amici astraendosi dal mondo. Gli ho chiesto di cosa parlano e mi ha risposto che stanno sempre a litigare e pare ci provino gusto a tirare in mezzo il Padreterno per potersi sfogare con qualcuno che non si può difendere, che non c’è, che non esiste.
Giovanni fa del suo meglio per mettere pace ma è tempo perso.
Lui in genere non si lamenta, mette dentro come la nonna e penso che questo non faccia bene a nessuno.
Da piccolo gli avevo insegnato a cercare ogni giorno ” gli scintillanti” schegge di luce che azzerano il buio, il negativo di certe giornate, che ti fanno sentire la gioia di avere un Dio vicino che si prende cura di te e di tutti.
Ma la crescita comporta cambiamenti imprevisti e se sei ancora un giovane virgulto è facile che il vento ti muova e ti faccia cambiare posizione se non sei ancorato ad una canna, ad un sostegno che ti mantiene in equilibrio.
In questo un ruolo fondamentale ce l’ha la famiglia che non smette di assolvere al suo compito anche quando i figli si sposano.
E questo vale anche per i nonni che devono trasmettere alle nuove generazioni come si possa vivere senza lamentarsi, dire male, maledire, odiare chicchessia , a partire dal proprio coniuge.
Sembra fatto apposta. La persona di cui ci lamentiamo di più è in genere quella che abbiamo sposato e siamo sempre tentati di guardare le cose che non vanno che quelle che vanno.
Tra amiche e tra amici il nostro argomento preferito, il bersaglio dei nostri strali in genere è lui o lei anche se diciamo di amarlo/a.
Ai figli e ai nipoti trasmettiamo una cultura di divisione, di negatività che poi si ripercuoterà sulle loro relazioni future.
” L’uomo non divida ciò che Dio ha unito” dice Gesù e noi pensiamo subito al divorzio, ai matrimoni usciti male, alle violenze di tutti i tipi che si consumano all’interno delle famiglie.
A nessuno viene in mente che all’origine di ogni separazione, divorzio c’è la maldicenza, l’incapacità di cercare il bene nell’altro, “gli scintillanti” che sviluppano i negativi delle istantanee della nostra quotidianità.
Quattro gesti di tenerezza aiutano a sopravvivere ha detto mons. Rocchetta che a Perugia ha creato una clinica per coppie in difficoltà dove la medicina è solo la Parola di Dio e gli infermieri altre coppie che ne sperimentano la potenza nelle difficoltà e nelle tempeste della vita sotto la sua direzione spirituale.
Queste coppie ogni anno rinnovano il loro sì alla tenerezza e la clinica si chiama” Casa della tenerezza” che la dice lunga su ciò che lì vi trovi.
“Non lamentatevi” dice san Giacomo ricordando la pazienza dei profeti che parlavano nel nome del Signore, ricco di misericordia e di compassione.
Quella che ci manca è quindi la pazienza. Gesù l’imparò dalle cose che patì. A noi è chiesto di fare altrettanto benedicendo anche e soprattutto le persone che ci fanno del male.
Il cancro della divisione si sconfigge con un
“Permesso?”
“Grazie!”
“Scusa!”.