“Sono io non abbiate paura”(Gv 6,20)

MEDITAZIONE sulla liturgia di
sabato della II settimana del tempo di Pasqua
18 aprile 2015
ore 6.45
letture: At 6,1-7; Salmo 32; Gv 6, 16-21
“Sono io non abbiate paura”(Gv 6,20)
Ti presenti Signore nei momenti più impensati, difficili, quando le acque si agitano e il vento fa traballare la nostra barca.
Tu cammini sulle acque agitate del male, tu domini le forze ostili che ci impediscono di fare la traversata e di giungere al porto sicuro.
Oggi, quando ho letto il vangelo, erano le 3, ho pensato che non avevi nulla di nuovo da dirmi, un vangelo, una storia che ho letto e commentato e meditato tante volte.
Cosa potevo apprendere di più di quanto già non sapessi?
Così ho rinunciato a scrivere la mia meditazione notturna e ho cercato una posizione per riprendere sonno, con il rosario tra le dita e il desiderio di unirmi a te e a Maria nella contemplazione dei misteri del dolore anche se oggi è sabato.
Ieri sera ero rimasta ferma al primo, quello in cui tu schiacciato dal peso dei nostri peccati, solo, preghi e soffri, sudi sangue, tanto grande è l’angoscia che ti opprime.
Così questa notte ho preso sonno dimenticando il resto della tua passione salvo poi svegliarmi con un tremendo dolore alla spalla, il solito da qualche mese che mi perseguita, costringendomi ad indossare il busto che attenua le fitte dolorose dei nervi schiacciati dai recenti crolli vertebrali.
Ho affidato a Maria il compito di traghettarmi fino al mattino con la preghiera a lei tanto cara, perchè ci stringe insieme a te, suo figlio e nostro fratello, in un unico e grande abbraccio.
Il tuo dolore è diventato il mio dolore attraverso Maria, il senso di quelle fitte spaventose mi si è andato man mano chiarendo e mi sono riappisolata mentre ti contemplavo Signore, vittima innocente, incenso purissimo sull’altare di Dio.
Il mio dolore è diventato il tuo dolore e ho trovato la pace pensando che solo tu potevi trasformarlo in offerta di soave odore per liberare i prigionieri e portare la luce a quelli che vivono incatenati dal peccato.
“Sono io non avere paura” mi sono sentita dire questa mattina, quando una fitta più dolorosa mi ha scosso dalla posizione a fatica cercata per non soffrire.
Sei tu Signore che vieni a visitarmi ogni volta che sto male.
Ti ringrazio perchè fughi le mie paure, perchè ogni giorno, ogni notte mi getti una scala dal cielo perchè io vi salga e mi trovi in paradiso.
Con Maria tutto questo sta divenendo possibile, reale, perchè con lei non posso sbagliare direzione, non posso che avvicinarmi sempre più a te.

SFOGLIANDO IL DIARIO…

SFOGLIANDO IL DIARIO…
21 dicembre 2011
mercoledì della IV settimana di Avvento
“A che devo che la madre del mio Signore venga me?”(Lc 1,43)
Ieri sul calendario liturgico c’era scritto “ Nulla è impossibile a Dio”.
Subito, Signore, ho pensato che fosse una parola rivolta non a me, ma a Maria, dall’angelo 2011 anni fa.
Presa dai miei pensieri, dal dolore che mi schianta le più intime fibre del corpo, dalla paura, dallo smarrimento che questi sintomi mi provocano, dal disorientamento e dall’angoscia, e chi più ne ha più ne metta, non mi sono soffermata a pensare che tu stavi parlando a me, anche a me, perché sono tua figlia, perché tu mi hai creato per amore, perché niente disprezzi di ciò che hai creato.
Non l’ho capito Signore, e faccio fatica a crederci.
I giorni si susseguono ai giorni, i sintomi sono sempre più funesti, forieri di tristi e irrevocabili sentenze e io ho paura.
Il mio spirito si abbatte, è prostrato Signore, lo sai.
Se mi guardo attorno tutto mi parla di un addio che presto dovrò dare alle cose che amo, alle persone che sono diventate parte di me e ho paura.
Lo sai Signore.
Non ho bisogno di dirtelo.
Questa notte le gambe, sono state il campo di battaglia di scontri apocalittici, la mia testa non riesce più a sopportare tanto.
Il tumulto, la rabbia, la ferocia dei nemici mi squassa, mi divide e io non so dove rifugiarmi, Signore.
Come vorrei trovare in questa tempesta un po’ di pace, come vorrei che il tuo nome fosse un baluardo inaccessibile al nemico che mi perseguita!
Signore salva la tua consacrata!
Tante volte mi hai mostrato il tuo amore, svergognando la bestia, tante volte che il numero non lo ricordo.
Mi chiedo se ti sei dimenticato di me e mi sembra una bestemmia anche solo pensarlo.
Tu sei mio padre Signore, non voglio dimenticarlo, non voglio pensare che ho bisogno di qualcun altro che mi tenga compagnia, mi stringa la mano, mi parli.
Per tanto tempo, quando non ti conoscevo, ho avuto paura e ho cercato mani da stringere, presenze forzate di persone che mi garantissero il sostegno e l’aiuto nel momento del bisogno.
Ma ora Signore Ti ho incontrato e cerco di convincermi che tu sei accanto a me durante le crisi più brutte.
Chiedo aiuto a tua madre, alla quale non puoi dire di no, la tua sposa, la vergine perfetta, degna di accoglierti per prima nel suo grembo.
Chiedo a te, chiedo a lei, sono stanca Signore di gridare, di tendere le mie mani in alto, perché tu le afferri e mi abbracci, sollevandomi alla tua altezza.
Signore mi vedi, sai quanto siamo provati, infelici, poveri, derelitti.
Lo sai Signore.
Quale padre se un figlio gli chiede un pane gli darà una pietra o se gli chiede un uovo gli darà uno scorpione, se un pesce gli darà una serpe?
Io credo Signore che tu, più dei genitori terreni, sai dare cose buone ai tuoi figli. Lo credo con tutto il cuore, con tutta la mente, con tutta me stessa.
Ma i tuoi tempi Signore io non li sopporto. Troppo lunga è l’agonia, troppo il dolore.
Lo sai.
Dicono che non dobbiamo convincerti a fare ciò che noi vogliamo, che tu lo sai di cosa abbiamo bisogno e hai già provveduto per il meglio.
Ma io non ce la faccio più Signore e anche il mio sposo si abbatte ed è molto infelice.
Non riusciamo da soli a risollevarci, Signore.
Aiutaci a confidare in te, aiutaci, in questo periodo di attesa, a credere che ci sarà un Natale di gioia anche per noi.
Aiutaci Signore perché siamo poveri e infelici, perché da soli non andiamo da nessuna parte, perché tu sei la nostra unica speranza.
Oggi il Vangelo parla della visita di Maria a Sant’Elisabetta.
Il Vangelo della gioia quello di oggi.
Un incontro tra due o più persone che non ancora si vedono come la sposa e lo sposo del Cantico dei cantici, come quello di Giovanni con te, custodito nel grembo di tua madre.
Voglio pensare che Maria oggi verrà a visitare anche me, voglio credere che già si è messa in cammino per portarmi l’Eucaristia.
Voglio credere che in questa giornata tu farai irruzione nella mia casa e mi farai sussultare di gioia.

LAETARE

SFOGLIANDO IL DIARIO…
16 dicembre 2012
domenica della III settimana di Avvento anno C.
(Sof 3, 16-17)Non temere, Sion,
non lasciarti cadere le braccia!
Il Signore, tuo Dio, in mezzo a te 
è un salvatore potente.
Oggi è la domenica della gioia.
Tutta la Chiesa era in festa.
Il sacerdote aveva i paramenti rosa che si indossano solo due volte l’anno: la terza di Avvento e la terza di Quaresima, come a dire che il lutto, la penitenza, si può anche interrompere, rischiarata da un annuncio più forte, più vivo, più gioioso.
Si avvicina il Natale e dovremmo tutti essere contenti.
Ma l’attesa è fatta di fatica, di ricalcoli , di prove, di deserto, di buio, di silenzio.
L’attesa è a volte, come questa notte, un inferno.
Questa notte ho avuto dolori sovrumani, l’Apocalisse pensavo è qui e io la sto vivendo.
Il dolore al basso ventre, l’arsura come dopo un intervento a causa dell’anestesia, un bere continuo, un continuo andare in bagno e poi il braccio e l’articolazione della spalla che gridava vendetta.
E poi i sogni, la ricerca di un luogo in cui riposare con un bambino da accudire e un posto piccolo piccolo, una panca con il coperchio, dove si è soliti mettere i libri della liturgia.
Li ho visti nelle cappelle dei conventi queste panche contenitore.
Gli spazi erano piccoli e a me è toccato tra due persone dalle quali mi sentivo schiacciata.
E questo è il segno che ha accompagnato il grido di dolore.
Poi altri sogni, altri personaggi collegati con la chiesa e io che vivevo ai margini di quello che si diceva, io che non comprendevo, che non ero calcolata… Il dolore.
Ho pensato che non c’è pace per me, quando ho aperto la Bibbia stanotte per pregare con un salmo di lode, ma non ho trovato nulla che esprimesse il mio sentimento che era quello di vincere il demonio con le benedizioni di Dio, con la lode da Lui ispirata.
Così questa mattina mi sentivo una profuga.
Il comodino sembrava essere stato travolto da uno tsunami, un terremoto.
Non c’era niente diritto, ordinato.
Ho fatto la le foto con il mio cellulare scassato, scassate sono uscite le foto che rendono bene il disastro.
Del resto volevo usare la macchinetta per parlare di Dio e della vita in cui lui si incarna con la Parola.
Così ho postato le foto delle scempio con sotto le parole del profeta Sofonia.
“Non lasciarti cadere le braccia. Il Signore è un salvatore potente”.
E ci voglio credere che sia così.
Quando a messa Don Antonio ha dato la comunione, il Corpo di Cristo, all’improvviso l’aria si è squarciata e, come un fulmine, un tuono, un terremoto, la Parola è scesa su di me.
Il Corpo di Cristo io l’avevo preso e mi ero svegliata.
Questa volta il risveglio è stato una danza di lode, di grazia, di gratitudine, danza di forza, coraggio, speranza, perché il Corpo di Cristo è dentro di me.
Cosa potrà farmi il demonio?
Solo tu Signore mi puoi salvare. Solo tu mi dai le armi della luce per sconfiggere il serpente che attenta alla mia vita.
Lode e gloria a te Signore Gesù.

“Avvenga per voi secondo la vostra fede” (Mt 9,29)

SFOGLIANDO IL DIARIO…
4 dicembre 2015
venerdì della I settimana di Avvento
Letture:  (Is 29,17-24); Salmo 26;  (Mt 9,27-31)
ore 7
“Avvenga per voi secondo la vostra fede” (Mt 9,29)
Oggi il vangelo ci parla di fede in chi può guarirci dalle malattie che ci affliggono.
I due ciechi furono esauditi nella loro richiesta di aiuto perchè credevano che Gesù poteva fare il miracolo.
Anche io credo che Lui e solo Lui può non dico togliermi le malattie, ma attenuarne l’effetto devastante sul mio sistema nervoso che è andato in tilt.
Non so più in che lingua invocarlo, pregarlo, chiedergli almeno una briciola del suo amore, una briciola di quel pane che cade dalla tavola e di cui sono soliti cibarsi i cagnolini.
Un dio senza pietà mi si mostra in questi giorni, un dio impassibile e severo , un dio sordo al grido di chi è nella fossa dei leoni e viene straziato dai loro denti aguzzi giorno e notte senza riuscire a morire.
La morte si sconta vivendo e chissà quanti peccati devo scontare per guadagnarmi questo traguardo.
Un tempo avanzavo tra i primi nella santa assemblea, un tempo rendevo lode e gloria al Signore perchè aveva cosparso la mia strada di “scintillanti”.
Un tempo.. ma come accade nei matrimoni all’inizio c’ è l’idillio e la risposta sempre pronta, un abbraccio, un regalo, un sorriso, una parola carina.
Con Lui bastava che desiderassi anche incosciamente una cosa che la vedevo realizzata.
Poi è aumentata la vicinanza, il tempo della preghiera, l’intimità, e il tempo dell’attesa si è fatto più lungo, addirittura interminabile.
Le risposte tardano a venire e io mi sento messa da parte, dimenticata.
Perchè Signore mi tratti in questo modo?
Perchè non rispondi ai miei ripetuti SOS ?
Perchfedeè Signore la mia vita deve essere un calvario e la morte durare lunghissimi anni?
Continuo a credere che solo tu puoi aiutarmi, che non c’è nessuno al di fuori di te che possa togliermi questa spina nel fianco, ma tu sei sordo, anche se non avaro di parole di speranza, specie in questi giorni di preparazione al Natale.
I morti non ti lodano dalla fossa, perchè non scendi e impedisci al nemico di fare scempio del mio corpo?
Perchè Signore più non ti schieri con i nostri eserciti e ci fai andare allo sbando?
Piega i cieli e scendi e visita questa vigna, il virgulto che ti sei piantato.
Ne fanno scempio i viandanti e i ladroni.
Sono tua Signore, te lo sei dimenticato?
Dove ti nascondi o mio diletto perchè torni a sorridermi la vita e i fiori del mio giardino profumino e i loro colori  mi parlano di te?
Dove cercarti Signore che non sia in questo dolore continuo e scrastante, dove fuggire da questa persecuzione?
Signore non posso , non voglio, non riesco a vederti in queste macerie, in questo corpo mandato al macello, dato in pasto agli avvoltoi.
Dove sei Signore?
Mostrami il tuo volto e io vivrò.
Guariscimi gli occhi del cuore perchè ti veda chino sule mie ferite.

Questa figlia di Abramo non doveva essere liberata da questo legame nel giorno di sabato?

Meditazioni sulla liturgia di
lunedì della XXX settimana del Tempo ordinario 
VANGELO (Lc 13,10-17)
In quel tempo, Gesù stava insegnando in una sinagoga in giorno di sabato. C’era là una donna che uno spirito teneva inferma da diciotto anni; era curva e non riusciva in alcun modo a stare diritta.
Gesù la vide, la chiamò a sé e le disse: «Donna, sei liberata dalla tua malattia». Impose le mani su di lei e subito quella si raddrizzò e glorificava Dio.
Ma il capo della sinagoga, sdegnato perché Gesù aveva operato quella guarigione di sabato, prese la parola e disse alla folla: «Ci sono sei giorni in cui si deve lavorare; in quelli dunque venite a farvi guarire e non in giorno di sabato».
Il Signore gli replicò: «Ipocriti, non è forse vero che, di sabato, ciascuno di voi slega il suo bue o l’asino dalla mangiatoia, per condurlo ad abbeverarsi? E questa figlia di Abramo, che Satana ha tenuto prigioniera per ben diciotto anni, non doveva essere liberata da questo legame nel giorno di sabato?».
Quando egli diceva queste cose, tutti i suoi avversari si vergognavano, mentre la folla intera esultava per tutte le meraviglie da lui compiute.
Parola del Signore
Dio non guarda il calendario, non conosce riposo, non va in ferie.
Come una madre è disponibile ogni momento per i bisogni dei suoi figli di notte e di giorno, quando sono vicini e di più quando sono lontani.
Così Dio è continuamente all’opera perché i suoi figli non muoiano staccati da Lui.
La madre non conosce riposo e specie la domenica, lavora di più, perché invita i suoi figli e prepara loro vivande più elaborate, squisite che presuppongono una fatica maggiore dei giorni feriali.
La madre, quando la domenica imbandisce la tavola, è felice, soddisfatta, anche se si è svegliata all’alba per accendere il fuoco, per preparare in tempo tutto ciò che serve per il banchetto domenicale.
Qualcosa lo ha preparato anche dal giorno prima.
Questo comportamento umano che noi riscontriamo in molte famiglie italiane, dove ci sono figli sposati e nipoti, per le quali la domenica è considerato il giorno in cui si va a mangiare a casa dei genitori.
Dio non è un genitore qualunque, ma un padre speciale, per cui provvede non solo al cibo, ma anche a rimettere in piedi, permettere di camminare, guarire quelli che per qualche motivo non possono aderire all’invito, non possono partecipare alla mensa comune.
Tante malattie ci impediscono di godere appieno dell’amore del Padre e a questo Dio pone rimedio.
Oggi è la volta della donna curva, rigida in una posizione.
La posizione curva impedisce di incrociare lo sguardo di chi ti sta davanti, ti fa guardare la terra e non il cielo.
La rigidità ti impedisce di modificare il tuo rapporto con la realtà che ti circonda, ti impedisce di essere libero nel movimento, libero di servire, libero di rispondere alla chiamata.
Rigidità è la paralisi del pensiero, è la chiusura del cuore, è l’impedimento, l’ostacolo ad accogliere la novità dello Spirito che ci fa gridare “Abbà Padre!”.
Gesù guarisce questa donna, perché vuole farla partecipe di tutto ciò che è già pronto per ognuno di noi.
Vuole, specie il giorno di sabato, la nostra domenica, invitarci a stare con Lui per celebrare insieme la Pasqua.
Solo chi è libero da malattie può servire, perciò Gesù guarisce i malati.
Ma non tutti hanno questo privilegio.
Perché?
Il miracolo era solo un segno per evangelizzare non uno strumento per farsi pubblicità.
Perciò non tutti furono guariti.
Oggi che Gesù è salito al cielo e ci ha lasciato il suo Spirito, bisogna pregarlo incessantemente attraverso i suoi intermediari, i santi, per avere qualche speranza.
La maggior parte delle persone non viene guarita dalle malattie e tutti muoiono, anche i miracolati.
Come deve intendersi oggi il miracolo?
C’è un modo diverso dell’agire di Dio?
Io non credo.
Perché la sua Parola, il suo Spirito sono qui, in mezzo a noi e noi possiamo accedervi quando e come vogliamo.
Per quanto mi riguarda, la malattia mi ha aperto gli occhi alla mia miseria, al mio limite, alla mia inadeguatezza, alla mia impotenza, al mio bisogno di cercare oltre il senso di un destino che sembrava di morte.
Il dolore è stato e continua ad essere uno strumento per incontrare il Signore, per apprezzare quello che davo per scontato, per capire cosa effettivamente serve nella vita.

“Donna ecco tuo figlio!”. (Gv 19,26)

“E anche a te una spada trafiggerà l’anima.” (Lc 2,35)
“Donna ecco tuo figlio!”. (Gv 19,26)
 Nel momento in cui Maria perde il figlio, Gesù gliene consegna un altro, glielo affida, perché si prenda cura di lui e lui di lei.
Bellissimo questo momento che la liturgia ci propone e che la Scrittura ci impone come fondamento della nostra fede.
La morte come passaggio del testimone, come momento di comunione tra chi se ne va e chi resta.
“Ed ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo.”(Mt 28,20)
 Bisogna credere che qualunque sia il compito a noi affidato, Lui c’è sempre.
 È lui che trasforma i nostri pani raffermi, i nostri pochi e non proprio freschi pesci in cibo che sfama le folle.
Gesù è il maestro, è stato il maestro di Maria, colui che il Padre ha mandato perché della Scrittura sperimentasse appieno il complimento, la gioia di essere salvata e salvare.
Ecco il mistero che oggi si svela nella salvezza dell’altro, di coloro che si sono affidati a noi.
Oggi sperimentiamo e godiamo appieno della nostra salvezza che è liberazione dalla schiavitù del peccato, liberazione da tutte le sovrastrutture, gli involucri, i travestimenti che ci impediscono di muoverci liberamente e di presentarci a Dio completamente nudi, senza vergogna e agli altri, mostrando le nostre inadeguatezze, i nostri limiti, come luoghi dove lo spirito opera e si manifesta.
Grazie Signore di questa festa grande che tu ci hai dato di contemplare e di vivere, davanti o te ieri, nella croce innalzata, crocifisso dagli uomini, innalzato dal Padre nella gloria.
“Guarderanno a colui che hanno trafitto”(Zc 12,10)
A te Signore vogliamo guardare, da te vogliamo sentire le parole estreme, quella sete che ancora si placa dell’amore che vuoi dare ad ogni uomo, di quella sete che hai affidato a Maria e a Giovanni di colmare attraverso le parole, i segni che ti hanno contraddistinto durante la vita.
Grazie Signore perché ci hai dato Maria come madre, grazie perché ci hai dato persone che si sono presi la briga di raccontare cosa è successo, la storia che li ha coinvolti e ammaliati, grazie per tutti quelli che ci hanno trasmesso la fede.

Lo sposo

“Ti farò mia sposa per sempre” (Os 2,21)
Vorrei sentire il tuo sguardo posarsi su di me, vorrei essere da te consolata, rassicurata, stretta al cuore, vorrei Signore non sentirmi così smarrita di fronte a questo corpo in disfacimento.
Vorrei Signore sentirmi la tua sposa e sentirmi al sicuro tra le tue braccia.
Tante paure mi assalgono, ultimamente ho crisi di panico che pensavo non potessero più riguardarmi da quando ti ho incontrato. Purtroppo questo corpo se ne va per conto suo e ogni giorno ne inventa una per farmi soffrire, ma anche per farmi alzare gli occhi al cielo e farmi collegare a te.
Il dolore, la sofferenza è ciò che mi unisce al te, mio Sposo e forse, se non fossi così sofferente, non riuscirei a stare tanto vicina alla tua parola, a pendere dalle tue labbra, non riuscirei a pregare, perché sarei impegnata a fare altro.
Non voglio più pormi domande Signore.
Sono molto stanca.
Il pensiero che tutti questi percorsi che io continuo a fare per alleviare il dolore, per trovare un antidoto, per cercare una soluzione, non servono a niente mi smarrisce.
Questa vita Tu me l’hai donata e a suo tempo, mi hai fatto godere delle sue gioie senza che te ne rendessi merito e te ne fossi riconoscente, perché non ti conoscevo.
Era tutto scontato per me.
Ora Signore è arrivato il momento del silenzio.
Non penso che servano parole a te Signore, perché non ti devo dare consigli, perché non sei capace di fare il tuo mestiere, non devo aprirti gli occhi perché tu vedi prima ancora che io mi renda conto di quello che ho davanti.
Tu soffri con me, patisci con me, sei con me, Signore.
Io sono qui.
Mi presento davanti al tuo altare come offerta, fa’ tu quello che credi, però donami la forza, Signore, il coraggio, la fede.
Donami un cuore puro, una mente libera, uno spirito forte.
Fa’ che possa, sappia affidarmi completamente nelle tue mani, fa’ che ami la tua volontà, fa’ che la tua volontà diventi la mia gioia.
Signore fa che nessuna lacrima, nessuna tristezza, nessuno smarrimento sia fine a se stesso, ma abbia un senso, che sia la chiave per aprire tante porte, per portarti tanti cuori aperti alla tua grazia.
Io non vedo se non in minima parte gli effetti di questo dolore, il mio e quello di tante persone che, come me, soffrono.
Ma tu lo vedi, tu sai tutto Signore.
Come quando si costruisce un grattacielo o una grande opera, solo il progettista ha la visione dell’opera finita.
Mi viene in mente l’immagine del massiccio del Gran Sasso in cui le montagne sono messe in una posizione tale che, per chi  guarda dalla costa adriatica, assume le fattezze di una bellissima donna distesa sull’orizzonte, la Bella Addormentata.
Mi ha sempre affascinato pensare che quella splendida opera d’arte è frutto dell’ insieme di tante montagne piccole o grandi, belle o brutte che formano un capolavoro solo se le guardi da lontano.
Quando ci sei dentro infatti, quelle montagne non hanno nessuna attrattiva.
Cosa dirti Signore che non ti abbia già detto?
Pagine e pagine ho scritto in questi anni di conoscenza, di fidanzamento, di preparazione al matrimonio che mi chiami a celebrare… tante lettere che mi gira la testa,
Forse ti ho intontito di chiacchiere,anzi sicuramente, ma è stato un modo per tenermi collegata con te.
Ultimamente ho pensato che forse bastava quello che avevo già scritto e che avevo meditato abbastanza.
Da un po’ di giorni sto riprovando il gusto di mettermi alla tua presenza e ascoltarti.
“Ti ho amato di amore eterno”…” Ti farò mia sposa per sempre”…
Come resisterti?
Come fare a meno di te?
Signore questa mia vita così tribolata, in cui io non vedo che fatica e dolore, possa guardarla con i tuoi occhi e amarla con il tuo cuore.
Per questo ti prego questa mattina.