“Il figlio dell’uomo è signore del sabato”(Lc 6,5)

SFOGLIANDO IL DIARIO…

5 settembre 2015
sabato XXII sett TO anno dispari
letture:Col 1,21-23; Salmo 53; Lc 6,1-5
ore 7.06

“Il figlio dell’uomo è signore del sabato”(Lc 6,5)

Meditazioni sulla liturgia di sabato della XXII settimana del tempo Ordinario e sulla lettura breve delle lodi di sabato II settimana del salterio.

” Benedite coloro che vi perseguitano, benedite e non maledite. Rallegratevi con quelli che sono nella gioia, piangete con quelli che sono nel pianto. Abbiate i medesimi sentimenti gli uni verso gli altri; non aspirate a cose troppo alte, piegatevi invece a quelle umili. (Rm 12, 14-16a )”

Ho passato queste ultime ore della notte pregando intensamente, tu lo sai.
Ho pregato perchè ne avevo bisogno, perchè tu ti muovessi a pietà dei miei dolori, della mia continua tribolazione.
Ho cercato nella preghiera a Maria l’aiuto per intercedere presso di te Signore, perchè la mia preghiera giungesse più presto alle tue orecchie e tu provvedessi a togliermi la spina dal fianco.
Maria non si è fatta attendere e così ho potuto riprendere sonno anche se per poco e non dopo aver pubblicato la preghiera che ieri mi aveva suscitato la tua parola sul digiuno e sulla presenza- assenza dello Sposo.

Ora sono qui Signore e vorrei non dimenticare quello che la tua Parola ha mosso in me, cominciando dall’ultima che ho letto.
” benedite coloro che vi perseguitano e non maledite”
Non è facile Signore fare quello che tu dici, anche se ci sto provando, da quando mi hanno detto che le maledizioni dei miei antenati sono ricadute su di me e che, solo se cambio la maledizione in benedizione, sarò liberata da questa condanna, dai lacci invisibili ma poderosi con cui il mio corpo è messo a tacere, o viene ostacolato ad agire.
Ogni giorno m’interrogo su chi siano i miei nemici per perdonarli, per benedirli.
Ma ora che ci penso non ho mai preso in considerazione che la più grande nemica di Antonietta sono io, che devo benedire tutto ciò che di me non mi piace, tutto ciò che mi manca e consegnarlo a te perchè tu lo moltiplichi e lo renda cibo per gli affamati della tua parola.
Hai ragione Signore ad insistere, perchè non ancora assolvo Antonietta, non ancora mi fido completamente di te e metto la mia benedizione nelle tue mani, rendendo efficace il Sacramento del Battesimo.
Signore aiutami ad accettare i miei limiti, aiutami a lasciarmi andare, aiutami a non legarti le mani per sciogliermi dai lacci di morte.
A Maria chiedo soccorso, aiuto e benedizioni, a Lei, che è tua madre, affido la mia causa.

Solo tu Signore puoi guarirmi dal peccato che fu dei miei padri: l’invidia, l’orgoglio, il giudizio e tutto quello che ne consegue.
E poi voglio fare una breve sosta sul vangelo di oggi che mi ricorda quante cose faccio non per amore ma per dovere.
Come vorrei Signore sentirmi libera da tante compulsioni ossessive, libera di appartenerti fino in fondo, libera da tanti lacci che oggi legano i miei antenati e che si ripercuotono su di me e sul mio agire e sulla mia qualità di vita.
Aiutami Signore a vivere l’amore che tu ci hai donato una volta per sempre e che continui a rinnovarci ogni giorno, ogni ora, ogni momento.
Aiutami a non pensare mai che tu sei un dio ingiusto e lontano.
Fammi sentire il calore del tuo sguardo, la dolcezza dei tuoi baci sulla mia bocca.
Oggi durante la messa mi hai dato un’ altra possibilità per riflettere su cosa mi impedisce di lasciarmi andare e su come il poco amore dei miei antenati si sia trasformato in limite, malattia del corpo.
“Quante volte, vantandomi, ho detto che avevo allevato i miei due nipoti senza prenderli mai in braccio!”.
Pensavo così di esibire l’ennesima vittoria su un handicap che cerco di dimenticare e che trasformo in strumento di vittoria, di esaltazione dell’io, anche se non tralascio mai di aggiungere che sei tu che operi in me e ne sono convinta.
Ma la superbia della fede fa sempre capolino in certe affermazioni, in cui è in gioco la mia capacità di superare gli ostacoli, abbattere i limiti, inventarmi strade alternative per raggiungere lo scopo.
Così mi sono guardata dentro e ho aperto la piaga che non guarisce, perchè ho sempre avuto vergogna a mostrarla anche me stessa.
Per questo no ho mai pregato per me, ma mi sono sempre fatta carico dei pesi degli altri, perchè inconsciamente non volevo riconoscere il mio bisogno.
Ti voglio ringraziare Signore perchè non deludi mai le aspettative e, man mano che procediamo, ci dai la luce per guardarci dentro e riconoscerci peccatori amati e salvati da te.

Annunci

“Sono io non abbiate paura”(Gv 6,20)

MEDITAZIONE sulla liturgia di
sabato della II settimana del tempo di Pasqua
18 aprile 2015
ore 6.45
letture: At 6,1-7; Salmo 32; Gv 6, 16-21
“Sono io non abbiate paura”(Gv 6,20)
Ti presenti Signore nei momenti più impensati, difficili, quando le acque si agitano e il vento fa traballare la nostra barca.
Tu cammini sulle acque agitate del male, tu domini le forze ostili che ci impediscono di fare la traversata e di giungere al porto sicuro.
Oggi, quando ho letto il vangelo, erano le 3, ho pensato che non avevi nulla di nuovo da dirmi, un vangelo, una storia che ho letto e commentato e meditato tante volte.
Cosa potevo apprendere di più di quanto già non sapessi?
Così ho rinunciato a scrivere la mia meditazione notturna e ho cercato una posizione per riprendere sonno, con il rosario tra le dita e il desiderio di unirmi a te e a Maria nella contemplazione dei misteri del dolore anche se oggi è sabato.
Ieri sera ero rimasta ferma al primo, quello in cui tu schiacciato dal peso dei nostri peccati, solo, preghi e soffri, sudi sangue, tanto grande è l’angoscia che ti opprime.
Così questa notte ho preso sonno dimenticando il resto della tua passione salvo poi svegliarmi con un tremendo dolore alla spalla, il solito da qualche mese che mi perseguita, costringendomi ad indossare il busto che attenua le fitte dolorose dei nervi schiacciati dai recenti crolli vertebrali.
Ho affidato a Maria il compito di traghettarmi fino al mattino con la preghiera a lei tanto cara, perchè ci stringe insieme a te, suo figlio e nostro fratello, in un unico e grande abbraccio.
Il tuo dolore è diventato il mio dolore attraverso Maria, il senso di quelle fitte spaventose mi si è andato man mano chiarendo e mi sono riappisolata mentre ti contemplavo Signore, vittima innocente, incenso purissimo sull’altare di Dio.
Il mio dolore è diventato il tuo dolore e ho trovato la pace pensando che solo tu potevi trasformarlo in offerta di soave odore per liberare i prigionieri e portare la luce a quelli che vivono incatenati dal peccato.
“Sono io non avere paura” mi sono sentita dire questa mattina, quando una fitta più dolorosa mi ha scosso dalla posizione a fatica cercata per non soffrire.
Sei tu Signore che vieni a visitarmi ogni volta che sto male.
Ti ringrazio perchè fughi le mie paure, perchè ogni giorno, ogni notte mi getti una scala dal cielo perchè io vi salga e mi trovi in paradiso.
Con Maria tutto questo sta divenendo possibile, reale, perchè con lei non posso sbagliare direzione, non posso che avvicinarmi sempre più a te.

” Vuoi guarire?” (Gv 5,6)

Meditazioni sulla liturgia di
martedì della IV settimana di Quaresima
Letture: Ez 47,1-9; salmo 45; Gv 5, 1-16

” Ogni essere vivente che si muove dove arriva il torrente vivrà”(Ez 47,9)

Signore sono qui, sono venuta per adorarti, ringraziarti e benedirti per tutto quello che gratuitamente mi hai donato e continui a donarmi ogni giorno della mia vita.
Ti chiedo perdono per tutte le volte che l’ho dato per scontato, per tutte le volte che mi è sembrata un’ingiustizia esserne privata, per tutte le volte che non ti ho fatto esistere.
Sono qui Signore , mi vedi, mi senti, non ho bisogno di dirti come sto.
Ho bisogno di te, della tua acqua per continuare il cammino, ho bisogno di sentirmi una cosa sola con te, altrimenti non ce la faccio.
L’immagine della Madonnina che sul comodino continua a pregare anche quando io non ci sono con il fisico, con la mente, anche quando le mie priorità sono futili e vane, con le sue mani giunte mi rassicura che c’è chi intercede per me.
Signore, mia forza, mio canto, mio liberatore aiutami a vivere sempre alla tua presenza, nella tua casa, a muovermi con spirito di servizio e con la fiducia illimitata in te che sovrintendi ogni cosa
Spesso mi lamento che non c’è nessuno che si prenda cura di me e il pensiero mi rende triste, mi angoscia.
Anche il paralitico del vangelo di oggi diceva che non c’era nessuno che lo aiutasse a gettarsi nell’acqua quando si muoveva per tuffarvisi.
Come mi riconosco Signore in questo personaggio che tu guarisci attraverso lo strumento potente della tua parola, senza farlo immergere nella piscina!
Sei tu e solo tu Signore che ti prendi cura di ognuno di noi, in modo perfetto, totale e fuori dagli schemi.
Perchè me lo dimentico?
Perchè Signore passo il tempo a lamentarmi del fatto che nè ieri, nè oggi c’è qualcuno che provveda in modo esauriente ai miei bisogni?
Oggi voglio farmi un serio esame di coscienza per guardare non le inadempienze altrui ma le mie, perchè il mio più grande peccato emerga e io te ne chieda perdono.
Guariscimi Signore dalla cecità di aver negato le tante opportunità che tu mi hai dato, per dire grazie a chi mi ha teso la mano, a chi si è fatto carico della mia malattia e delle conseguenze sulla mia famiglia e sul mio lavoro, a chi è venuto incontro ai miei desideri anvche futili, per donarmi un sorriso .
Aiutami a liberare la memoria da tante ingiustizie di cui penso essere stata vittima e a riempire il mio cuore di gratitudine per tutti quelli che mi hanno amato anche se in modo imperfetto.
Signore l’ingratitudine non mi ha fatto godere dei beni che avevo e mi ha reso scontrosa, insoddisfatta, infelice.
Oggi che tante cose che avevo te le sei riprese ripenso con nostalgia a tutto ciò che ha reso bella la mia vita, ricca di senso, proiettata verso un futuro di speranza e di gioia.
Grazie Signore perchè quello che manca oggi vedo che ce lo metti tu come un tempo che non ti conoscevo.
Grazie perchè questa mattina che volevo per l’ennesima volta lamentarmi di questa vita tribolata, la preghiera , dopo aver letto la tua Parola, è diventata un inno di lode a te che sei il mio unico punto di riferimento, la mia casa, il mio amore, il mio unico bene.
Un tempo, quando avevo paura di allontanarmi da casa, avevo pensato che, se potevo portarmela dietro come una roulotte, sarei stata felice.
Giovanni a quattro anni disegnò profeticamente tutta la nostra famiglia in una roulotte che veniva portata a Gesù.
Oggi sento che sei dentro di me che non ho bisogno di comprare nulla, ma di accogliere il dono che gratuitamente mi fai di stare con me.
Al paralitico guarito tu comandi di prendere sopra le spalle la sua barella, la sua infermità, il suo limite, come lo chiedi ad ognuno di noi quando ci dici di sollevare sulle spalle la nostra croce e seguirti.
La nostra croce Signore pian piano diventa più leggera, come la barella del paralitico, perchè sperimentiamo che il peso è leggero se confidiamo in te, se guardiamo non a quello che ci manca ma a quello che abbiamo.
Benedici Signore il nostro pane quotidiano, anche se è impastato di lacrime e trasformalo nel tuo corpo e nel tuo sangue offerto per amore.

SFOGLIANDO IL DIARIO…

SFOGLIANDO IL DIARIO…
21 dicembre 2011
mercoledì della IV settimana di Avvento
“A che devo che la madre del mio Signore venga me?”(Lc 1,43)
Ieri sul calendario liturgico c’era scritto “ Nulla è impossibile a Dio”.
Subito, Signore, ho pensato che fosse una parola rivolta non a me, ma a Maria, dall’angelo 2011 anni fa.
Presa dai miei pensieri, dal dolore che mi schianta le più intime fibre del corpo, dalla paura, dallo smarrimento che questi sintomi mi provocano, dal disorientamento e dall’angoscia, e chi più ne ha più ne metta, non mi sono soffermata a pensare che tu stavi parlando a me, anche a me, perché sono tua figlia, perché tu mi hai creato per amore, perché niente disprezzi di ciò che hai creato.
Non l’ho capito Signore, e faccio fatica a crederci.
I giorni si susseguono ai giorni, i sintomi sono sempre più funesti, forieri di tristi e irrevocabili sentenze e io ho paura.
Il mio spirito si abbatte, è prostrato Signore, lo sai.
Se mi guardo attorno tutto mi parla di un addio che presto dovrò dare alle cose che amo, alle persone che sono diventate parte di me e ho paura.
Lo sai Signore.
Non ho bisogno di dirtelo.
Questa notte le gambe, sono state il campo di battaglia di scontri apocalittici, la mia testa non riesce più a sopportare tanto.
Il tumulto, la rabbia, la ferocia dei nemici mi squassa, mi divide e io non so dove rifugiarmi, Signore.
Come vorrei trovare in questa tempesta un po’ di pace, come vorrei che il tuo nome fosse un baluardo inaccessibile al nemico che mi perseguita!
Signore salva la tua consacrata!
Tante volte mi hai mostrato il tuo amore, svergognando la bestia, tante volte che il numero non lo ricordo.
Mi chiedo se ti sei dimenticato di me e mi sembra una bestemmia anche solo pensarlo.
Tu sei mio padre Signore, non voglio dimenticarlo, non voglio pensare che ho bisogno di qualcun altro che mi tenga compagnia, mi stringa la mano, mi parli.
Per tanto tempo, quando non ti conoscevo, ho avuto paura e ho cercato mani da stringere, presenze forzate di persone che mi garantissero il sostegno e l’aiuto nel momento del bisogno.
Ma ora Signore Ti ho incontrato e cerco di convincermi che tu sei accanto a me durante le crisi più brutte.
Chiedo aiuto a tua madre, alla quale non puoi dire di no, la tua sposa, la vergine perfetta, degna di accoglierti per prima nel suo grembo.
Chiedo a te, chiedo a lei, sono stanca Signore di gridare, di tendere le mie mani in alto, perché tu le afferri e mi abbracci, sollevandomi alla tua altezza.
Signore mi vedi, sai quanto siamo provati, infelici, poveri, derelitti.
Lo sai Signore.
Quale padre se un figlio gli chiede un pane gli darà una pietra o se gli chiede un uovo gli darà uno scorpione, se un pesce gli darà una serpe?
Io credo Signore che tu, più dei genitori terreni, sai dare cose buone ai tuoi figli. Lo credo con tutto il cuore, con tutta la mente, con tutta me stessa.
Ma i tuoi tempi Signore io non li sopporto. Troppo lunga è l’agonia, troppo il dolore.
Lo sai.
Dicono che non dobbiamo convincerti a fare ciò che noi vogliamo, che tu lo sai di cosa abbiamo bisogno e hai già provveduto per il meglio.
Ma io non ce la faccio più Signore e anche il mio sposo si abbatte ed è molto infelice.
Non riusciamo da soli a risollevarci, Signore.
Aiutaci a confidare in te, aiutaci, in questo periodo di attesa, a credere che ci sarà un Natale di gioia anche per noi.
Aiutaci Signore perché siamo poveri e infelici, perché da soli non andiamo da nessuna parte, perché tu sei la nostra unica speranza.
Oggi il Vangelo parla della visita di Maria a Sant’Elisabetta.
Il Vangelo della gioia quello di oggi.
Un incontro tra due o più persone che non ancora si vedono come la sposa e lo sposo del Cantico dei cantici, come quello di Giovanni con te, custodito nel grembo di tua madre.
Voglio pensare che Maria oggi verrà a visitare anche me, voglio credere che già si è messa in cammino per portarmi l’Eucaristia.
Voglio credere che in questa giornata tu farai irruzione nella mia casa e mi farai sussultare di gioia.

“Ecco la vergine partorirà un figlio che chiamerà Emanuele: Dio con noi” (Isaia 7,14).

“Ecco la vergine partorirà un figlio che chiamerà Emanuele: Dio con noi” (Isaia 7,14).
Kaìre= Rallegrati.
Maria madre dolcissima, madre castissima, madre senza peccato, madre nostra, madre di Dio, a te questa mattina rivolgo la mia preghiera.
Kàire!
È bello sentirsi dire queste parole.
Rallegrati, sii contenta, sii felice, perché il Signore tuo Dio ti ha scelta come culla di tutta l’umanità.
Maria con te questa mattina voglio essere felice, voglio gioire, perché il mio, il tuo Creatore ha scelto te per venire ad abitare in mezzo a noi, attraverso di te è venuto a salvarci.
Maria anche io sto sperimentando quando bene, quanta grazia si riversa su chi lo teme, quanta consolazione, pace, gioia vengono a coloro che lo temono.
Anche io Maria mi sento ogni giorno di più riempita dalla sua grazia e mi sento smarrita.
Non riesco più a prescindere dalla sua presenza, i miei pensieri non sono che per il grande mistero del quale sono stata fatta partecipe.
Maria questa mattina sono rimasta turbata dall’incommensurabile portata di questo annuncio.
Lo smarrimento e anche la paura di aver osato tanto mi hanno fatto desiderare di chiamarti in mio soccorso e di non separarmi mai da te.
“Stringimi forte la mano, tu forte e clemente” dice un canto a te rivolto.
Questa mattina ho sentito forte l’esigenza di qualcuno che mi guidasse nel Santo viaggio per non perdermi, per non smarrire il senso reale della Parola di Dio.
Maria tu, umile fanciulla, donna come noi, sei stata scelta per il più nobile, grande servizio al nostro Dio e a tutti noi.
Ti sola puoi fare da ponte a che superiamo l’abisso delle nostre paure, della nostra inadeguatezza, l’abisso che ci separa da Dio.
Maria stringimi forte la mano, non lasciarmela mai e non permettere che io allenti la presa.
Tu hai sempre vigilato sulla mia vita, le preghiere che ti sono state rivolte tu le hai presentate a Dio e hanno sortito l’effetto desiderato.
Anche io mi chiamo come te, come anche le mie sorelle, tutte consacrate a te.
Maria vigila sulla mia famiglia, aiutami a superare i momenti di sconforto, ma specialmente non mi abbandonare quando il grande mistero mi disorienta sì da farmi paura.
Sii l’intermediaria dolce e forte tra l’Onnipotente e la sua creatura sì che non pensi di osare troppo o di fuggire per non incrociare il suo sguardo.
Il timor di Dio sia un sano timore, non frutto di paura come quello che ha impedito un rapporto fecondo con il Padre, con il Figlio, con lo Spirito Santo nella mia infanzia.
Maria oggi sento che il “Kàire” è rivolto anche a me, perché il Signore vuole riempire della sua grazia chi ha il cuore aperto e disponibile ad incontrarlo.
Maria aiutami a tenere la casa in ordine, ricordami le cose che non è giusto fare, non farmi mai dimenticare chi è l’ospite d’onore, aiutami a non disorientarmi quando le prove della vita mi portano lontano dalla fonte della luce.
Maria Santissima con fervore poche volte ti ho invocato, con poca convinzione ho rivolto a te la mia preghiera, perché pensavo che di te non ci fosse bisogno, dal momento che avevo incontrato il Signore e che potevo direttamente parlare con Lui.
Ti ho messo da parte ma tu non te la sei presa e hai continuato a provvedere a me, nonostante le preghiere fossero poco sentite, in una parola imperfette.
Maria ora so che non posso fare a meno di te.
Questa mattina ho toccato con mano quanto sia importante avere una madre che ci aiuta a diventare grandi, una madre che ci aiuta a camminare piano piano verso la meta.
Ho capito, madre dolcissima, che non posso più fare a meno di te.
Ogni volta che ho chiesto a te una grazia sono stata esaudita.
La conversione di Gianni il mio sposo, la nascita di Giovanni il nostro nipotino, la pace nella nostra famiglia è passata dalle tue mani.
Sia che ti preghi pensando alla Santa Casa di Loreto, il luogo da me più frequentato, sia che ti preghi pensando a Lourdes dove scaturisce l’acqua santa che ha placato i dolori di tante notti insonni, quell’acqua di cui mi cosparse mio padre quando vide che non riuscivo a guarire.
Sia che ti penso destinataria delle preghiere di mia madre, di nonna Antonietta, di mio padre, quando invocava il tuo aiuto ogni volta che aveva un dolore al petto, nella mia vita sei stata sempre presente.
Ma solo questa mattina percepisco la portata di questo aiuto e l’imprescindibile aiuto che devo chiedere ogni volta che mi metto di fronte al Signore per non smarrirmi e perderlo di vista.
Maria aiutami ancora, aiutami in questo Santo viaggio, aiutami a soffrire con te, aiutami a non perdermi mai di coraggio, aiutami a percepire la gioia di una notizia, di un annuncio che dilata, squarciandolo, il cuore di pietra.
“ Kàire, Kairète” ( rallegrati, rallegratevi) mi viene da dire.
Quanto vorrei che tutti, madre santa, potessero gioire per questo evento che ha sconvolto la storia e ha rimesso in discussione tutti gli assiomi.
Maria cosa posso fare perché la gente si accorga che Gesù non è nato invano, come posso, possiamo convincere chi non crede che la salvezza è vicina, che è vero, proprio vero che siamo chiamati a vita nuova, ad un mondo purificato dal peccato e dall’ingordigia, un mondo dove il lupo e l’agnello pascoleranno insieme, dove pace e giustizia si baceranno.
Maria quello che c’è scritto sento che si attuerà, credo che si attuerà.
Che non si perda nessuno di quelli che tuo figlio ti ha affidato e attraverso di te ha affidato ai suoi testimoni.
Maria il mondo è cieco, ma la tua fede ha salvato il mondo.
Continua la tua infaticabile opera di evangelizzazione, portando il tuo Gesù ad ogni uomo che non lo conosce.
Tu  sei andata, quando ancora l’avevi in grembo, da tua cugina e Giovanni le balzò nella pancia, sussultò senza vederlo il precursore,ma intuì attraverso le tue parole che c’era il Salvatore.
Giovanni predicava la venuta di Gesù senza averlo mai incontrato prima.
Credette però alle Scritture, muto nel grembo di sua madre, profetizzò la venuta del Salvatore.
In questo Natale Maria vorrei vivere l’esperienza di un invito a Gesù.
Non ho fatto il presepe tradizionale, ne ho fatto uno tutto di cielo dove su un pezzo di roccia ho poggiato il bambino.
Il presepe lo voglio costruire con le persone che verranno a stare con noi.. Saranno i tanti Gesù in cui Lui si nasconde.
Maria fa che questo sogno possa avverarsi, fa che quest’anno il presepe comprenda tutto il mondo e nessuno si senta escluso dal farne parte.
Giovanni, il nostro nipotino, ha detto che il suo presepe è di tutto il mondo. Parole profetiche.
Nel presepe quest’anno le statuine mancanti saranno quelle che riusciremo ad invitare alla nostra mensa.
Un presepe animato dove ognuno è un pezzo del grande scenario di un’umanità redenta.

” Rallegrati piena di grazia, il Signore è con te” (Lc 1,28)

Immacolata Concezione
 
” Rallegrati piena di grazia, il Signore è con te” (Lc 1,28)
C’è poco da rallegrarsi se mi guardo intorno, se penso a questa mia vita sempre più tribolata, alla nostalgia dei natali della mia infanzia dove non si parlava di Gesù, tanto come ora che lo si combatte senza esclusione di colpi.
Del Natale ricordo il profumo di buono che usciva dalla cucina, l’affaccendarsi gioioso di noi tutti perchè il banchetto di grasse vivande ci riunisse attorno ad un unica mensa, noi che eravamo costretti a mangiare a turni per via del lavoro di mamma e papà.
Allora la festa era la festa e i negozi rimanevano chiusi, e se ti eri dimenticato qualcosa il vicino non si scandalizzava se glielo chiedevi, anzi ti dava anche in aggiunta il suo che aveva preparato e che voleva che tu assaggiassi.
Mi manca il calore della famiglia, la spensieratezza di quando ero bambina e il mio compito era solo quello di nascondere le nostre letterine nel tovagliolo di papà senza che se ne accorgesse. Infatti eravamo quattro e io la più grande, quella a cui mamma affidava gli incarichi di responsabilità.
Il calore di quei giorni prima e dopo la festa ancora mi percorre le vene, ma se mi guardo intorno oggi vedo solo deserto.
I natali mi fanno paura, mi mettono ansia, mi scomodano a tal punto che vorrei saltarli a piè pari. Un tempo le feste di Natale coincidevano con le feste a scuola e siccome mamma faceva l’insegnante, finalmente ce l’avevamo a casa tutta per noi.
Mi chiedo come sia possibile che ti rimanga il profumo e il sapore di una festa senza che si parli del festeggiato, fatta eccezione delle letterine che le suore ci facevano scrivere a scuola.
Davvero questo Dio che celebro nelle mie carte, che mi ha cambiato la vita è un Dio misterioso, lascia tracce dappertutto e ci invita a fare la caccia al tesoro.
Penso che questo è il bello della nostra fede, di non sentirsi mai arrivati, ma di avere il cuore sempre aperto alla speranza che la carta successiva sia quella vincente.
Il Natale dei miei anni spensierati era anche e soprattutto tempo di gioco, insieme con pochi spiccioli continuavamo la festa, il banchetto, cambiando solo la tovaglia, il terreno su cui dovevamo passare con le nostre scarpe.
Il denaro non era il protagonista di quei giochi innocenti tra gli adulti che ridiventavano bambini, ma la gioia di avere complici, compagni di viaggio, maestri gli stessi che durante l’anno non avevano tempo per noi quando li cercavamo per giocare insieme.
Non ricevevamo regali, perchè il regalo era lo stare insieme.
Ti accorgi che ti sei fatto vecchio quando non hai voglia di regali, ma di persone.
E’ arrivato anche il mio turno e la nostalgia è più grande quanto più la casa ti sta larga man mano che la caccia al tesoro procede.
Quando gli spazi si allargano, diventa più difficile trovare la carta vincente.
La Parola di Dio ci ha convocato nel deserto, e in questo luogo aspro e desolato dobbiamo cercare  quel profumo, quel sapore di buono che ti spinge ancora a cercare, che non ti spegne la speranza che potrai anche tu, come un tempo sedere al banchetto preparato per tutti i popoli, un banchetto di grasse vivande dove nessuno sarà deluso e la festa sarà festa eterna perchè le scuole saranno chiuse per sempre, e noi per sempre avremo  Chi  si fermerà con noi a giocare senza che aspettiamo il Natale.
La festa di oggi è occasione per riflettere sulla gioia che vorrei fosse piena, ma che pregusto come quando da piccola assistevo e in minima parte collaboravo alla realizzazione della festa.
A Maria l’angelo disse”Rallegrati!, piena di grazia, i Signore è con te”. Mi piace pensare che queste parole sono rivolte anche a me oggi, in cui ho il morale a terra perchè non c’è più nessuno di quelli con cui ho festeggiato i natali di un tempo, vorrei sentirmi confermata nell’amore di Dio che mi ama così come sono, anche se non sono senza peccato, vorrei tanto che la sua grazia riempisse il vuoto che sento dentro di me per tutto ciò che sono stata costretta a lasciare, strada facendo, a riconsegnargli con dolore e fatica.
Chiedo a Maria di potermi unire a lei in questo straordinario viaggio per imparare come  anche da vecchi si può dare alla luce Gesù.
“Nulla è impossibile a Dio!”dice l’angelo a Maria, perchè non dovrebbe poterlo dire anche a tutti quelli che come me  conservano il profumo e il sapore dell’amore condiviso?

“Ogni giorno insegnava nel tempio”( Lc 19,47)

“Ogni giorno insegnava nel tempio”( Lc 19,47)
Ieri il Vangelo parlava del pianto di Gesù davanti al tempio di Gerusalemme, perchè non aveva riconosciuto il tempo in cui era stato visitato.
Ma c’è un tempio che lo ha riconosciuto, prima ancora che lo vedesse e lo ascoltasse, prima ancora che venisse alla luce.
Questo tempio è Maria, la donna scelta da Dio per accoglierlo nel suo grembo e darlo alla luce.
Il primo tempio su cui il Signore non dovrà piangere, nè cacciare i mercanti, il primo tempio, casa di preghiera è Maria, la madre, colei che ascolta e mette in pratica la Parola di Dio.
Maria si è nutrita di quella Parola fin dal primo vagito, Maria ha consacrato il suo corpo, la sua persona a Dio fin dalla sua prima giovinezza e anche se i vangeli non riportano questo episodio, ci sono testimonianze in proposito che non facciamo fatica a ritenere vere.
Maria fu scelta per essere la madre del figlio di Dio, non a caso.
Solo chi ha fatto e fa l’esperienza di essere figlia di Dio, amata oltremisura dal Suo Creatore, chi si riconosce indegna di tanta grazia, chi non inorgoglisce per essa ma magnifica il Signore, lo loda, lo ringrazia e lo benedice ogni momento, chi fa esperienza perfetta dell’amore del Padre, può essere madre, dare vita al figlio e trasmettere a Lui ciò di cui il Padre l’ha colmata.
Maria è la piena di grazia, il Signore è con lei,  sempre.
La liturgia di venerdì della XXXIII settimana ci presenta Gesù che caccia i venditori, i cambiavalute dal tempio perchè non vuole che la sua casa sia un mercato, non vuole che si faccia mercato delle cose sante.
Maria, la prima dei salvati è diventata tempio puro, santo e immacolato, luogo incontaminato dove la parola può attecchire e venire alla luce.
Ieri  con il salmo abbiamo ringraziato Dio perchè ci ha consacrato sacerdoti, ricordandoci come con il battesimo mettiamo il nostro corpo la nostra vita a servizio del regno, della costruzione del grande tempio che nessuno mai potrà demolire, perchè innestate sulla pietra scartata dai costruttori e diventata testata d’angolo.
Noi pietre vive, con la liturgia della vita contribuiamo, sull’esempio di Maria, a edificare la casa del Signore, il grande tempio dove tutte le genti affluiranno per unirsi al coro degli angeli e cantare all’unisono, Gloria, benedizioni, Santo è il Signore Dio dell’universo.
Vogliamo quindi oggi ringraziare Maria perchè continua ad indicarci la strada per fare tutto ciò che Lui ci dirà, come fece a Cana, come fa ogni volta che vede che la gioia viene meno e la festa rischia di finire .