Annunciazione

” Tu lo chiamerai Gesù” (Lc 1,31)

Signore mio Dio con questo nome ti hanno chiamato i tuoi genitori.
“Colui che salva”.
Anche noi vogliamo chiamarti così, specie quando siamo attaccati dal nemico e la tentazione ci spinge a cercare altre salvezze, desiderare altre soluzioni alternative al vangelo.
Tu solo Signore puoi salvarci, specie quando ci riconosciamo poveri, bisognosi di aiuto.
Perchè tu ami più piccoli, i più deboli, tu Signore puoi operare solo in quelli che non ti legano le mani, non ti inchiodano ad una croce, condannandoti a morte.
Tu Signore puoi salvare tutti anche i tuoi persecutori e paradossalmente hai avuto più seguaci dopo la morte che durante la tua vita fatta di segni e di parole divine.
Tu salvi l’uomo dalla fossa della morte, lo salvi dalla sua insipiente sicurezza, quando a te si affida, quando si fida di te.
“Chi potrà salvarsi? ” mi veniva da chiedermi qualche giorno fa, guardando come nel mondo tutto vada a rovescio e sembra che tu sia sconfitto in questa società che pian piano sta scrivendo leggi, imponendo doveri, autorizzando comportamentvii che ci allontanano da te, che negano la vita.
Eppure la storia d’Israele racconta di un popolo che subì anche la vergogna, l’umiliazione , il dolore, lo strazio dell’esilio, della distruzione del tempio .
Tu Signore però non hai mai smesso di amarlo, non hai smesso di operare perchè si realizzasse il tuo disegno di salvezza.
Il tuo progetto prevedeva una collaborazione di carne, tangibile, con una donna , prevedeva che la salvezza passasse attraverso un nutrimento concreto, reale dalla madre al figlio attraverso il cordone ombelicale..
Tu Signore hai formato le tue viscere e le tue ossa nel seno della vergine Maria, hai assunto, preso da lei i caratteri somatici, hai bevuto il suo latte, sei venuto alla luce dopo nove mesi come un comune mortale.
Questo mistero è grande Signore mio Dio… perchè ti sei fatto piccolo , tanto piccolo da entrare nell’utero di Maria che, pur essendo grande nella fede , era spropositatamente piccola per contenere te che sei infinitamente grande.
Eppure è successo.
E tu, colui che salva, sei venuto alla luce nella più piccola città della Giudea, in una stalla. Ti piacciono Signore le persone umili, piccole, povere..
Maria è stata scelta propria perchè aveva imparato ad essere figlia , perchè non si può partorire ed essere madri se non si è fatta l’esperienza di essere figli, amati, scelti, predestinati, destinati ad essere glorificati.
L’essere figli di un Padre come il tuo , Signore, è vivere in eterno nella ferma speranza che nulla e nessuno potrà farci del male.
Così Maria è stata chiamata a collaborare al tuo disegno di giustizia e d’amore.
Mi viene in mente la coppia sterile che abbiamo incontrato al Convegno della C.E.A.M. di Campitello Matese, quella che dopo due anni di matrimonio ha deciso di prendere in affido un bambino di 10 anni.
Dei due la persona più serena che dava forza all’altro era lui che non faceva che ricordare la sua famiglia d’origine e le meraviglie che aveva compiuto l’amore dei suoi genitori. Un amore che aveva generato servizio, gratuità, dono di sè nei tre figli.
Per questo lui, pur avendo perso il lavoro, quindi in un periodo d’incertezza e difficoltà economica , ha scelto di prendersi cura di un bambino, insieme a lei che invece viene da una famiglia di separati dove non ha respirato l’amore.
Per questo l’impresa per lei si è presentata più difficile , anche se l’alleanza con il suo sposo fa sì che il progetto si realizzi perchè fondato su di te, Signore.
Tu chiami ognuno di noi a collaborare alla salvezza.
Ognuno di noi può essere reso fecondo ( felice) attraverso lo Spirito Santo che getta il seme della parola che attecchisce solo in un terreno dissodato, ben preparato.
Signore non conosco i tuoi progetti su di me non tanto per il fine quanto per il percorso attraverso cui tu vuoi venire alla luce attraverso di me. perchè anche io possa vivere e dare vita.
Voglio guardare a Maria, voglio farmi guardare da lei, voglio chiedere la sua collaborazione perchè anche io possa vivere l’esperienza di essere madre giusta, vera , santa, dopo aver sperimentato fino in fondo la dolcezza, la tenerezza, la credibilità dell’amore del Padre, amore per diventare madre.
Aiutami Signore a riconoscere l’amore, aiutami a farmi guidare dall’amore per diventare madre non solo di mio figlio ma dei tuoi figli insieme a Maria.

“Ecco la vergine partorirà un figlio che chiamerà Emanuele: Dio con noi” (Isaia 7,14).

“Ecco la vergine partorirà un figlio che chiamerà Emanuele: Dio con noi” (Isaia 7,14).
Kaìre= Rallegrati.
Maria madre dolcissima, madre castissima, madre senza peccato, madre nostra, madre di Dio, a te questa mattina rivolgo la mia preghiera.
Kàire!
È bello sentirsi dire queste parole.
Rallegrati, sii contenta, sii felice, perché il Signore tuo Dio ti ha scelta come culla di tutta l’umanità.
Maria con te questa mattina voglio essere felice, voglio gioire, perché il mio, il tuo Creatore ha scelto te per venire ad abitare in mezzo a noi, attraverso di te è venuto a salvarci.
Maria anche io sto sperimentando quando bene, quanta grazia si riversa su chi lo teme, quanta consolazione, pace, gioia vengono a coloro che lo temono.
Anche io Maria mi sento ogni giorno di più riempita dalla sua grazia e mi sento smarrita.
Non riesco più a prescindere dalla sua presenza, i miei pensieri non sono che per il grande mistero del quale sono stata fatta partecipe.
Maria questa mattina sono rimasta turbata dall’incommensurabile portata di questo annuncio.
Lo smarrimento e anche la paura di aver osato tanto mi hanno fatto desiderare di chiamarti in mio soccorso e di non separarmi mai da te.
“Stringimi forte la mano, tu forte e clemente” dice un canto a te rivolto.
Questa mattina ho sentito forte l’esigenza di qualcuno che mi guidasse nel Santo viaggio per non perdermi, per non smarrire il senso reale della Parola di Dio.
Maria tu, umile fanciulla, donna come noi, sei stata scelta per il più nobile, grande servizio al nostro Dio e a tutti noi.
Ti sola puoi fare da ponte a che superiamo l’abisso delle nostre paure, della nostra inadeguatezza, l’abisso che ci separa da Dio.
Maria stringimi forte la mano, non lasciarmela mai e non permettere che io allenti la presa.
Tu hai sempre vigilato sulla mia vita, le preghiere che ti sono state rivolte tu le hai presentate a Dio e hanno sortito l’effetto desiderato.
Anche io mi chiamo come te, come anche le mie sorelle, tutte consacrate a te.
Maria vigila sulla mia famiglia, aiutami a superare i momenti di sconforto, ma specialmente non mi abbandonare quando il grande mistero mi disorienta sì da farmi paura.
Sii l’intermediaria dolce e forte tra l’Onnipotente e la sua creatura sì che non pensi di osare troppo o di fuggire per non incrociare il suo sguardo.
Il timor di Dio sia un sano timore, non frutto di paura come quello che ha impedito un rapporto fecondo con il Padre, con il Figlio, con lo Spirito Santo nella mia infanzia.
Maria oggi sento che il “Kàire” è rivolto anche a me, perché il Signore vuole riempire della sua grazia chi ha il cuore aperto e disponibile ad incontrarlo.
Maria aiutami a tenere la casa in ordine, ricordami le cose che non è giusto fare, non farmi mai dimenticare chi è l’ospite d’onore, aiutami a non disorientarmi quando le prove della vita mi portano lontano dalla fonte della luce.
Maria Santissima con fervore poche volte ti ho invocato, con poca convinzione ho rivolto a te la mia preghiera, perché pensavo che di te non ci fosse bisogno, dal momento che avevo incontrato il Signore e che potevo direttamente parlare con Lui.
Ti ho messo da parte ma tu non te la sei presa e hai continuato a provvedere a me, nonostante le preghiere fossero poco sentite, in una parola imperfette.
Maria ora so che non posso fare a meno di te.
Questa mattina ho toccato con mano quanto sia importante avere una madre che ci aiuta a diventare grandi, una madre che ci aiuta a camminare piano piano verso la meta.
Ho capito, madre dolcissima, che non posso più fare a meno di te.
Ogni volta che ho chiesto a te una grazia sono stata esaudita.
La conversione di Gianni il mio sposo, la nascita di Giovanni il nostro nipotino, la pace nella nostra famiglia è passata dalle tue mani.
Sia che ti preghi pensando alla Santa Casa di Loreto, il luogo da me più frequentato, sia che ti preghi pensando a Lourdes dove scaturisce l’acqua santa che ha placato i dolori di tante notti insonni, quell’acqua di cui mi cosparse mio padre quando vide che non riuscivo a guarire.
Sia che ti penso destinataria delle preghiere di mia madre, di nonna Antonietta, di mio padre, quando invocava il tuo aiuto ogni volta che aveva un dolore al petto, nella mia vita sei stata sempre presente.
Ma solo questa mattina percepisco la portata di questo aiuto e l’imprescindibile aiuto che devo chiedere ogni volta che mi metto di fronte al Signore per non smarrirmi e perderlo di vista.
Maria aiutami ancora, aiutami in questo Santo viaggio, aiutami a soffrire con te, aiutami a non perdermi mai di coraggio, aiutami a percepire la gioia di una notizia, di un annuncio che dilata, squarciandolo, il cuore di pietra.
“ Kàire, Kairète” ( rallegrati, rallegratevi) mi viene da dire.
Quanto vorrei che tutti, madre santa, potessero gioire per questo evento che ha sconvolto la storia e ha rimesso in discussione tutti gli assiomi.
Maria cosa posso fare perché la gente si accorga che Gesù non è nato invano, come posso, possiamo convincere chi non crede che la salvezza è vicina, che è vero, proprio vero che siamo chiamati a vita nuova, ad un mondo purificato dal peccato e dall’ingordigia, un mondo dove il lupo e l’agnello pascoleranno insieme, dove pace e giustizia si baceranno.
Maria quello che c’è scritto sento che si attuerà, credo che si attuerà.
Che non si perda nessuno di quelli che tuo figlio ti ha affidato e attraverso di te ha affidato ai suoi testimoni.
Maria il mondo è cieco, ma la tua fede ha salvato il mondo.
Continua la tua infaticabile opera di evangelizzazione, portando il tuo Gesù ad ogni uomo che non lo conosce.
Tu  sei andata, quando ancora l’avevi in grembo, da tua cugina e Giovanni le balzò nella pancia, sussultò senza vederlo il precursore,ma intuì attraverso le tue parole che c’era il Salvatore.
Giovanni predicava la venuta di Gesù senza averlo mai incontrato prima.
Credette però alle Scritture, muto nel grembo di sua madre, profetizzò la venuta del Salvatore.
In questo Natale Maria vorrei vivere l’esperienza di un invito a Gesù.
Non ho fatto il presepe tradizionale, ne ho fatto uno tutto di cielo dove su un pezzo di roccia ho poggiato il bambino.
Il presepe lo voglio costruire con le persone che verranno a stare con noi.. Saranno i tanti Gesù in cui Lui si nasconde.
Maria fa che questo sogno possa avverarsi, fa che quest’anno il presepe comprenda tutto il mondo e nessuno si senta escluso dal farne parte.
Giovanni, il nostro nipotino, ha detto che il suo presepe è di tutto il mondo. Parole profetiche.
Nel presepe quest’anno le statuine mancanti saranno quelle che riusciremo ad invitare alla nostra mensa.
Un presepe animato dove ognuno è un pezzo del grande scenario di un’umanità redenta.

“Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù.”(Lc 1,31)

 
SFOGLIANDO IL DIARIO…
20 dicembre 2016
“Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù.”(Lc 1,31)
Ci sono promesse che tu mantieni e altre che sembrano non realizzarsi mai.
Ci fai credere una cosa e poi ce ne capita un altra, ci metti alla prova, ci tormenti con i ricalcoli continui della nostra vita.
Certo che non pretendo di darti consigli, Signore, perchè sei Dio e non ne hai bisogno.
Il mestiere non te lo possiamo insegnare noi, ma almeno io desidererei un piccolo cambiamento di rotta.
Certo che non è possibile perchè se un aereo, un treno, una nave fa una piccola deviazione dal tracciato sicuro è facile che vada a sfracellarsi da qualche parte.
Me lo ripeto sempre che dobbiamo accettare la vita così com’è e imparare a stare in equilibrio su questo filo sospeso sull’abisso.
Il Kaìre che l’angelo rivolse a Maria, cerco sempre di farlo mio, illudendomi, immaginando che anche a me tu mandi un angelo per tirarmi su il morale perchè tu sei con me, perchè sei stato dovunque sono andata.
Ma il mio cuore oggi è prostrato, triste, affaticato e oppresso, il mio spirito è schiacciato da tante prove, da una sofferenza che non si misura, un dolore che le medicine, anche le più potenti non riescono a zittire.
“Rallegrati” dice l’angelo a Maria, “Rallegrati” lo dici a me.
Me ne voglio convincere ma non ci riesco. Anche se so che tu sei con me sono triste, perchè non sono fatta di aria, perchè la mia carne è ancora viva, i miei muscoli, i miei tendini, i miei nervi sono ancora collegati con il cervello e il cuore e tutto ciò che mi tiene ancora attaccata alla terra dei viventi.
C’è poco da rallegrarsi quando la notte è un continuo tormento, un’agonia, il giorno è una serie di no dolorosi allo stare in piedi, seduta, allungata…
Un tempo quando la sera incontravamo le coppie per le catechesi prebattesimali o per la preparazione al Sacramento del matrimonio, conoscevo una tregua solo quando parlavo di te, esattamente il tempo assegnato che io regolarmente sforavo, tanta era ed è la passione con cui porto il tuo annuncio Signore.
Gianni che all’inizio si infastidiva e avrebbe voluto intervenire, per amore si è rassegnato a prendersi cura dei piccoli, quando c’erano e dei grandi per tutto quello che comportava uno spostarsi, un accogliere alla porta, un accompagnare fisicamente le persone ai loro posti o in qualunque altro luogo avessero necessità di andare.
Appena aprivo la bocca il dolore scompariva e tornava quando tutto era finito.
Che dire? Ogni volta assistevamo al miracolo.
Ma i battesimi sono diventati tanto rari che la tregua al dolore
non è più a disposizione come un tempo, ma bisogna aspettare tanto.
Anche a sposarsi sono sempre in meno…
Così non ho più armi per difendermi da questa bestia che mi sta divorando, che mi sta togliendo il respiro, mi sta dilaniando le membra sì da sentire sempre più vicino il volo degli avvoltoi.
Voglio pregare con il Salmo 80.
Tu, pastore d’Israele, ascolta,
tu che guidi Giuseppe come un gregge.
Seduto sui cherubini, risplendi
davanti a Èfraim, Beniamino e Manasse.
Risveglia la tua potenza
e vieni a salvarci.
O Dio, fa’ che ritorniamo,
fa’ splendere il tuo volto e noi saremo salvi.
Signore, Dio degli eserciti,
fino a quando fremerai di sdegno
contro le preghiere del tuo popolo?
Tu ci nutri con pane di lacrime,
ci fai bere lacrime in abbondanza.
Ci hai fatto motivo di contesa per i vicini
e i nostri nemici ridono di noi.
Dio degli eserciti, fa’ che ritorniamo,
fa’ splendere il tuo volto e noi saremo salvi.
Hai sradicato una vite dall’Egitto,
hai scacciato le genti e l’hai trapiantata.
Le hai preparato il terreno,
hai affondato le sue radici
ed essa ha riempito la terra.
La sua ombra copriva le montagne
e i suoi rami i cedri più alti.
Ha esteso i suoi tralci fino al mare,
arrivavano al fiume i suoi germogli.
Perché hai aperto brecce nella sua cinta
e ne fa vendemmia ogni passante?
La devasta il cinghiale del bosco
e vi pascolano le bestie della campagna.
Dio degli eserciti, ritorna!
Guarda dal cielo e vedi
e visita questa vigna,
proteggi quello che la tua destra ha piantato,
il figlio dell’uomo che per te hai reso forte.
È stata data alle fiamme, è stata recisa:
essi periranno alla minaccia del tuo volto.
Sia la tua mano sull’uomo della tua destra,
sul figlio dell’uomo che per te hai reso forte.
Da te mai più ci allontaneremo,
facci rivivere e noi invocheremo il tuo nome.
Signore, Dio degli eserciti, fa’ che ritorniamo,
fa’ splendere il tuo volto e noi saremo salvi.