FEDE

 
” Chi si umilia sarà esaltato” (Mt 23,12)
Non ho bisogno di fare sforzi Signore per umiliarmi perchè la vita mi ha portato a sentirmi meno che niente.
C’è stato un tempo in cui mi potevo vantare di tante cose che sapevo e potevo fare. Molte sono state le occasioni che mi hanno portato a inorgoglirmi.
La più grande occasione è stata la capacità di vivere la malattia con coraggio, con forza, con determinazione, senza mai arrendermi di fronte ai numerosi ostacoli che mi si presentavano davanti.
Questo aspetto del carattere si rivelava non solo nel saper con dignità affrontare i problemi che riguardavano la mia salute, ma anche qualsiasi altro problema che era di ostacolo al raggiungimento della meta prefissa.
Ne andavo orgogliosa ma non mi tenevo per me la chiave per uscire vincitrice o perlomeno indenne dalle situazioni più drammatiche.
Ero diventata maestra nel dispensare consigli, nell’indicare le strade più sicure per non soccombere.
Poi la morte di mio fratello mi ha messo dinanzi a qualcosa che non sapevo aggiustare, camuffare, cambiare. La sua morte mi ha lasciato spiazzata perchè incapace di porvi rimedio.
L’orgoglio che mi aveva contraddistinto fino a quel momento subì un serio colpo, ma quello fu solo l’inizio di una discesa che è stata graduale ma progressiva e non ancora è finita.
Prima ero io la misura di tutte le cose e avevo imparato a mie spese l’arte di arrangiarmi in una casa dove chi si alzava prima si vestiva o chi era più furbo trovava la sedia su cui sedersi o un piano su cui poggiare il libro e il quaderno con cui studiare.
Era giocoforza nella mia famiglia d’origine arrangiarsi per non soccombere.
Ma in me avevo anche un grande senso di giustizia e mai mi sarei sognata di sottrarre il giusto a chiccessia.
Per questo ho affinato le tecniche per diventare io forte, per essere io quella che dispensava benefici, io che portavo tutti a me con la mia scienza, la mia conoscenza, la mia disponibilità a dispensare i trucchi del mestiere.
Questa mattina, leggendo il vangelo a tutto questo ho pensato e a quanta strada ho fatto con il mio Compagno di viaggio.
Già perchè da maestra, professoressa sono diventata discepola di “Gesù” che all’inizio mi colpì perchè era un uomo sofferente come me.
“Pure tu!” esclamai quando lo vidi appeso, inchiodato ad una croce.
Non avevo di Lui che una conoscenza vaga incerta e poco attendibile.
Ma ero così stanca, stremata di andare da sola, essendomi venuto meno il palcoscenico, quando mi hanno tolto il lavoro, che ero avida di qualcuno con cui condividere non la mia bravura, ma la mia pena.
Così cominciai il santo viaggio e se all’inizio mi sentivo alla Sua altezza, man mano che procedevo nell’ascolto della Sua Parola scendevo di un gradino, sempre più giù, sempre più giù fino a mischiarmi alla folla anonima che lo guardava da lontano.
E’ tremendo accorgersi di quanto hai osato e peggio pensare che quell’ardire non ti sarà mai perdonato.
Per fortuna, o meglio per grazia il Signore, attraverso Maria, mi ha fatto rinascere dall’alto e mi ha sollevato alla sua altezza, come leggiamo riguardo al rapporto che aveva avuto con Israele.
Quando Israele era giovinetto,
io l’ho amato
e dall’Egitto ho chiamato mio figlio.
Ad Efraim io insegnavo a camminare
tenendolo per mano,
ma essi non compresero
che avevo cura di loro.
Io li traevo con legami di bontà,
con vincoli d’amore;
ero per loro
come chi solleva un bimbo alla sua guancia;
mi chinavo su di lui
per dargli da mangiare (Os 11,1.3-4)
Oggi sento che sono la pupilla dei suoi occhi, che mi ama anche se tutte le cose che un tempo facevo non le posso più fare, anche se la mia giornata è costellata di continui fallimenti.
Ma io non distolgo lo sguardo dal mio Creatore e Salvatore e invoco con tutta l’anima la potenza del Suo Spirito per non essere travolta dai brutti pensieri e convincermi che io non mi salvo da sola ma che è Lui che mi tiene in vita e mi rende capace di annunciare le bellezze del regno.
Annunci

Nudità e tenerezza

Image for Scintillanti

E Dio creò l’uomo a sua immagine;
a immagine di Dio lo creò:
maschio e femmina li creò. (Gn 1,26)

Oggi, leggendo la Parola di Dio non posso non ricordare quanto mi raccontava mia madre a proposito del mio rifiuto, della mia ribellione a che qualcuno mi spogliasse.
Nessun medico ci era riuscito, fin da piccolissima sì che mi compiacevo del fatto che della famiglia ero l’unica sana, quella che poteva fare a meno di tante sevizie a cui si dovettero sottoporre i miei fratelli, sempre alle prese con qualche malattia.
Le mie, se c’erano, me le facevo passare, non le esibivo, anzi le nascondevo sotto un cumulo di coperture adatte all’occasione.
Mi convinsi che non avevo bisogno di nessuno e che ero forte, più forte di ogni male.
Mi sembrava segno di debolezza estrema mostrare i miei limiti, le mie ferite, le storture, le disarmonie del corpo che i vestiti con sempre più sapienza nascondevano.
Andavo fiera della mia arte mimetica tanto da convincermi che con la volontà guarivo le malattie o non le facevo esistere.
Campionessa nel pulire l’esterno del bicchiere i miei trucchi li dispensavo a tutti, fiera della mia bravura .
Adamo ed Eva si coprirono con una foglia di fico le vergogne nel momento in cui si ruppe la comunione con Dio e con l’altro.
Non si è capaci di condividere la propria inadeguatezza se te ne vergogni, se non l’accetti, se attribuisci all’altro il tuo giudizio inclemente.
Bisogna incrociare lo sguardo del Dio di misericordia, del Dio amore, sentirsi accarezzati dalla luce e dalla tenerezza che si sprigiona dai suoi occhi, dal suo cuore di carne, cuore di madre e di padre, cuore di chi ti ha creato per amore e ti ha chiamato all’amore
Ci si può nascondere agli uomini, ma non a Dio, possiamo arrivare ad ingannare noi stessi, le prime vittime della nostra mistificazione, ma non puoi ingannare Lui che ci ha creati e sa di che pasta siamo fatti.
La nostra vita è un cammino di spoliamento, che tu lo voglia o non voglia.
Arriva il momento che non le belle forme attirano l’occhio del cuore, il terzo occhio come lo chiama Giovanni, ma la tua debolezza, le tue armi spuntate, la tua impotenza che fa riflettere.
Impotenti a fronteggiare il degrado del tempo, della malattia, del disagio esistenziale, della morte.
E’ sul legno della croce che conosci l’intimità con chi non ha niente da offrirti se non quello dell’attesa e del servizio.
Paradossalmente la più grande intimità la si raggiunge non quando nel fiore degli anni e nel rigoglio dei profumi della primavera, ti unisci. alla persona che ami, accarezzandone la bellezza delle forme, la freschezza della pelle, specchiandoti nei suoi occhi pieni di ardente passione.
E’ nel tramonto della passione, nel fiore appassito che scopri il frutto succoso e buono che appaga la fame e la sete e ti dà vita.
Mai come in questi ultimi tempi ho vissuto momenti di paradiso quando la mano raggrinzita del mio sposo la notte si posa sui miei occhi, perché, come quando ero bambina, il sonno non tardi e mi si allevi la pena.

Coperture

Feto

(Salmo 138) Signore, tu mi scruti e mi conosci.

Oggi, leggendo la Parola di Dio non posso non ricordare quanto mi raccontava mia madre a proposito del mio rifiuto, della mia ribellione a che qualcuno mi spogliasse.
Nessun medico ci era riuscito, fin da piccolissima sì che mi compiacevo del fatto che della famiglia ero l’unica sana, quella che poteva fare a meno di tante sevizie a cui si dovettero sottoporre i miei fratelli, sempre alle prese con qualche malattia.
Le mie se c’erano me le facevo passare, non le esibivo, anzi le nascondevo sotto un cumulo di coperture adatte all’occasione.
Mi convinsi che non avevo bisogno di nessuno e che ero forte, più forte di ogni male.
Mi sembrava segno di debolezza estrema mostrare i miei limiti, le mie ferite, le storture, le disarmonie del corpo che i vestiti con sempre più sapienza nascondevano.
Andavo fiera della mia arte mimetica tanto da convincermi che con la volontà guarivo le malattie o non le facevo esistere.
Campionessa nel pulire l’esterno del bicchiere i miei trucchi li dispensavo a tutti, fiera della mia bravura .
Adamo ed Eva si coprirono con una foglia di fico le vergogne nel momento in cui si ruppe la comunione con Dio e con l’altro.
Non si è capaci di condividere la propria inadeguatezza se te ne vergogni, se non l’accetti, se attribuisci all’altro il tuo giudizio inclemente.
Bisogna incrociare lo sguardo del Dio di misericordia, del Dio amore, sentirsi accarezzati dalla luce e dalla tenerezza che si sprigiona dai suoi occhi, dal suo cuore di carne, cuore di madre e di padre, cuore di chi ti ha creato per amore e ti ha chiamato all’amore
Ci si può nascondere agli uomini, ma non a Dio, possiamo arrivare ad ingannare noi stessi, le prime vittime della nostra mistificazione, ma non puoi ingannare Lui che ci ha creati e sa di che pasta siamo fatti.
La nostra vita è un cammino di spogliamento, che tu lo voglia o non voglia.
Arriva il momento che non le belle forme attirano l’occhio del cuore, il terzo occhio come lo chiama Giovanni, ma la tua debolezza, le tue armi spuntate, la tua impotenza che fa riflettere.
Impotenti a fronteggiare il degrado del tempo, della malattia, del disagio esistenziale, della morte.
E’ sul legno della croce che conosci l’intimità con chi non ha niente da offrirti se non quello dell’attesa e del servizio.
Paradossalmente la più grande intimità la si raggiunge non quando nel fiore degli anni e nel rigoglio dei profumi della primavera, ti unisci. alla persona che ami, accarezzandone la bellezza delle forme, la freschezza della pelle, specchiandoti nei suoi occhi pieni di ardente passione.
E’ nel tramonto della passione, nel fiore appassito che scopri il frutto succoso e buono che appaga la fame e la sete e ti dà vita.
Mai come in questi ultimi tempi ho vissuto momenti di paradiso quando la mano raggrinzita del mio sposo la notte si posa sui miei occhi, perché, come quando ero bambina, il sonno non tardi e mi si allevi la pena.

Inviti

82de3-eucaristia1

” Un fariseo lo invitò a pranzo.” (Lc 11,37)

Nel vangelo spesso incontriamo Gesù seduto a tavola di qualcuno come invitato.
Il fatto che accetti di mischiarsi a prostitute e peccatori suscita le critiche feroci dei benpensanti, dottori della legge che si tenevano alla larga da chi poteva rovinare la propria reputazione.
Gesù non si formalizza, perchè è venuto per i malati non per i sani.
Il suo atteggiamento mi induce a riflettere sul criterio che seguo nel rapportarmi con le persone, se accetto l’invito di tutti o faccio una selezione in base alla compatibilità con il mio modo di vedere, di pensare, sul titolo di studio, sul posto che occupa nella società.
Un tempo gli inviti mi facevano sempre piacere, specie se li ricevevo da persone molto in vista nella nostra città.
Mi sentivo onorata di essere oggetto di tanta attenzione e mi conformavo all’etichetta in modo perfetto.
Curavo l’abbigliamento e il dono da portare che non mi facesse sfigurare.
Per fortuna poche sono state le occasioni per sfoderare, esibire il meglio di me, perchè a casa riportavo fumo e tanto vuoto che veniva dalle conversazioni formali con gente che non conoscevo, estranea in tutto al mio quotidiano modo di vivere.
Gesù ha tanto da insegnarci in merito agli inviti.
Per Lui è importante essere autentici, se stessi fino in fondo anche a costo di scandalizzare.
Sembra che lo faccia apposta e in effetti in ogni suo gesto è nascosto un insegnamento, un monito per i convitati.
Lo scopo della sua missione su questa terra è annunciare il vangelo, la buona notizia dell’amore che salva.
Gesù non è un parassita, che vive alle spalle degli altri. Anche Lui imbandisce banchetti come quando moltiplica i pani e i pesci per la folla stremata da giorni di cammino, senza chiedere le credenziali, o quando siede a mensa con i suoi apostoli compreso Giuda e offre il massimo che si possa dare, il suo corpo, la sua vita anche a chi non lo merita.
La cosa sconvolgente del Vangelo è scoprire che il regno di Dio, il dono di una vita felice, senza preoccupazioni, eterna non è questione di meriti, ma di grazia.
Noi viviamo purtroppo condizionati dal giudizio degli altri, con la paura di essere tagliati fuori, emarginati e per questo ci uniformiamo al comune pensiero, fluido in verità, che ci porta alla massificazione, omologazione, globalizzazione, e via dicendo.
Se provi a uscire dal seminato c’è sempre qualcuno pronto a lapidarti a metterti all’angolo.
Mi chiedo se oggi mi sento libera di essere me stessa, di dire quello che penso, di andare controcorrente.
Sicuramente non mi lascio più portare da nessuno che non sia Cristo, la Sua Parola, sicuramente non mi vergogno di fare il segno di croce prima di mangiare anche se sono l’unica a farlo, sicuramente il mio vanto è solo nel Signore e non mi aspetto nulla che non sia da Dio.
Ma il vangelo di oggi mi porta a riflettere se io, che mi reputo giusta, invito alla mia mensa i tanti Gesù che incontro sul mio cammino, poveri, storpi, ciechi, sordi, barboni, fuggiaschi e via dicendo.
Certo che no.
A tavola siamo sempre noi due soli, vecchi e malati.
E’ tanto se riesco a preparare qualcolsa.
Cosa vorrà dirmi Gesù oggi che non capisco?
Forse mi vuole portare a ringraziarlo per tutte le volte che mi invita al suo banchetto, mi restituisce moltiplicato quel poco che riesco a offrirgli, perchè lo doni a tutti quelli con cui realmente o virtualmente stabilisco delle connessioni, vale a dire faccio comunione.
Non posso tenere per me ció che non mi appartiene e che gratuitamente ricevo.
Spero di non disperdere nulla della Sua grazia e non mi stanchi mai di lodarlo benedirlo e ringraziarlo per tutti I Suoi doni.