Ecco l'agnello di Dio


Gv 1,29-34
In quel tempo, Giovanni, vedendo Gesù venire verso di lui, disse: «Ecco l’agnello di Dio, colui che toglie il peccato del mondo! Egli è colui del quale ho detto: “Dopo di me viene un uomo che è avanti a me, perché era prima di me”. Io non lo conoscevo, ma sono venuto a battezzare nell’acqua, perché egli fosse manifestato a Israele».
Giovanni testimoniò dicendo: «Ho contemplato lo Spirito discendere come una colomba dal cielo e rimanere su di lui. Io non lo conoscevo, ma proprio colui che mi ha inviato a battezzare nell’acqua mi disse: “Colui sul quale vedrai discendere e rimanere lo Spirito, è lui che battezza nello Spirito Santo”. E io ho visto e ho testimoniato che questi è il Figlio di Dio».

Ancora una volta, a distanza ravvicinata, la liturgia ci mette davantila figura di Giovanni Battista. Sembrano un po' tutte uguali queste letture, Signore.
Tu che, dopo trenta anni di silenzio, esci allo scoperto in modo così inaspettato, inusuale per il figlio di Dio, se dobbiamo crederti sulla parola.
Ti sei messo in fila ad aspettare il tuo turno.
La cosa che odiamo di più è aspettare, Signore, lo sai.
I più grandi peccati li facciamo perchè non abbiamo pazienza e vogliamo che tutto venga in fretta, perchè abbiamo sempre qualcosa di più importante da fare.
Eppure tu hai fatto dell'attesa un tempo speciale, il tempo delle opprtunità da cogliere, il tempo dell'incontro con un oltre che ci aspetta e non si stanca di fare la fila.
Signore, quando è arrivato il tuo turno e il Battista ti ha visto, si sono aperti i cieli ed è scesa su di te una colomba, lo Spirito di Dio, e una voce diceva:”Ecco mio figlio del quale mi sono compiaciuto!”.
Giovanni era un profeta, lo avevi costituito tu profeta, ma la sua parola aveva bisogno di essere confermata da qualcuno al di sopra di lui, al di sopra di tutti.
Perchè Signore ci riproponi la stessa scena di domenica scorsa?
Non bastava una volta per meditare sul tuo Battesimo?
O forse vuoi farci un po' riflettere sul nostro battesimo, visto che sono passati tanti anni ed è perso nella memoria?
“Ti costituirò luce tra le genti”, dice il passo di Isaia.
“Ecco l'agnello di Dio” dice Giovanni.

Annunci

Per cominciare in allegria

Questa l’ho trovata sul Web, cercando materiale per il corso di preparazione al Sacramento del Matrimonio, che comincia questa sera.
Si dovrebbe leggere alla fine degli incontri, in occasione della festa di conclusione.

Quasi quasi comincio dalla fine, chissà se cambia qualcosa….

PER CONCLUDERE IN ALLEGRIA

Spett. Supporto tecnico

L’anno scorso ho upgradato il mio programma da Fidanzata 7.0 a Moglie 1.0, e ho notato che il nuovo programma ha iniziato inaspettatamente un processo di produzione figli che prende un sacco di spazio e riduce drasticamente le risorse di sistema. Naturalmente sulla brochure del programma tutto questo non era menzionato.

Come se non bastasse, Moglie 1.0 si auto-installa in tutti gli altri programmi, e si lancia da solo al momento dell’inizializzazione del sistema.

Alcuni vecchi programmi come Pokerino serale 6.3, Bevuta con gli Amici 2.5 e Domenica allo Stadio 5.0 non funzionano più, inchiodando il sistema non appena vengono lanciati.
A quanto pare non riesco neppure a tenere Moglie 1.0 in background mentre tento di lanciare i miei programmi preferiti.

Avevo pensato di tornare a Fidanzata 7.0, ma non riesco a fare funzionare il programma di disinstallazione.

Potete aiutarmi?

Grazie
Cliente Disperato.
—————————————————————————-

Supporto tecnico a Cliente disperato…

Caro Cliente Disperato,
il tuo è un problema comune a molti utenti, dovuto principalmente a un errore d’interpretazione.

Molti upgradano da Fidanzata 7.0 a Moglie 1.0 con l’idea che Moglie 1.0 sia un programma di utility.

In realtà, Moglie 1.0 è un vero e proprio sistema operativo, programmato dal suo inventore per governare tutte le altre applicazioni.
E’ praticamente impossibile rimuovere, cancellare o disinstallare Moglie 1.0 e tornare a Fidanzata 7.0; alcuni file nascosti rimarrebbero infatti nel sistema, facendo in modo che Fidanzata 7.0 emuli perfettamente Moglie 1.0.
Alcuni hanno tentato di installare Fidanzata 8.0 o Moglie 2.0, ma si sono ritrovati con problemi ancora maggiori (confronta il manuale alla voce "Messaggio di errore: alimenti e assegni familiari").
Non ti resta che tenere Moglie 1.0 e far fronte alla situazione.
Avendo installato anch’io Moglie 1.0, posso suggerirti di leggere l’intera sezione che riguarda i Problemi Generali di Coppia (PGC).
Il segreto è di assumersi sempre e comunque la responsabilità per qualsiasi problema si presenti, a prescindere dalla causa che lo provochi.

La miglior cosa da fare è lanciare dalla shell la routine C:>SCUSE.COM (è residente in memoria alta).
In ogni caso, evita di abusare del comando Escape, altrimenti dovrai lanciare il comando Scuse prima ancora che il sistema riparta.
Le cose andranno benissimo finchè ti prenderai la colpa di tutti i PGC.
Moglie 1.0 è un programma ottimo, ma molto pesante; farai meglio ad acquistare del software addizionale per migliorarne le prestazioni. Abbiamo trovato buoni riscontri con Gioelleria 8.5 e con ShopOnLine 5.0.

Non installare MAI, per nessun motivo, Segretaria&Minigonna 3.3.
Quest’ultimo è un programma non supportato da Moglie 1.0; non solo, può mettere in crash con danni irreparabili il sistema operativo, riparabili solo con Avvocati 6.3, programma costosissimo del tutto incomprensibile.

Buona fortuna.

Supporto Tecnico
______________________________________________________

RnS preghiera di effusione


 

Questo post è per Piero Fratta che con tanta pazienza ha aspettato che rispondessi ad una sua richiesta di chiarimento.
Mi scuso per il ritardo, ma ci sono domande e domande.
Mi riferisco al suo commento relativo al POST in cui è suonata strana la parola "effusione o posteffusione"
Spero di riuscire a spiegarmi.
Attraverso il Sacramento del matrimonio Dio dona agli sposi il Suo Spirito, vale a dire l'Amore, che li renderà capaci di amarsi per tutta la vita, nella gioia e nel dolore, nella salute e nella malattia.
E' il suo dono di nozze.
Molti però non scartano il regalo o dopo averlo usato per un pò di tempo lo ripongono in soffitta o addirittura lo gettano
Poichè il matrimonio si regge sulla fedeltà ad una promessa, che non è facile mantenere senza l'aiuto di Dio( la grazia di Cristo), è molto importante riscoprire il valore del dono che ci viene fatto dal Padreterno, per poterlo usare e averne i vantaggi desiderati.
Nel Rns, di cui facciamo parte, ci sono percorsi di preparazione ad accogliere con consapevolezza i doni di Dio, primo fra tutti quello del Battesimo e poi quello del Matrimonio, attraverso una "preghiera di effusione" che viene fatta dai fratelli sulle singole persone(nel caso del Battesimo), o" preghiera di effusione di coppia" fatta dai coniugi uno per l'altro(nel caso del Matrimonio) a cui si uniscono i presenti.
Si parla quindi di una nuova effusione dello Spirito, quando accade.
Questo non vuol dire che al di fuori del RnS questo non sia possibile, perchè Dio dona a chi chiede, senza formalizzarsi. Il problema sta nel fatto che la maggior parte delle persone ignora la GRAZIA del Sacramento del Matrimonio e quindi non la cerca e non la chiede.
Noi siamo operatori di Pastorale Famigliare grazie ad uno scritto del teologo Muraro che nostro figlio fece leggere il giorno delle sue nozze, che ci incuriosì e stupì molto e ci fece venire voglia di saperne di più.
Lo accludo per chi non lo conoscesse

Dono di nozze da parte di Dio

"La creatura che hai al fianco è mia. Io l'ho creata .
Io le ho voluto bene da sempre, prima di te e più di te.
Per lei non ho esitato a dare la mia vita. Te la affido.
La prendi dalle mie mani e ne diventi responsabile.
Quando l'hai incontrata l'hai trovata amabile e bella.
Sono le mie mani che hanno plasmato la sua bellezza,
è il mio cuore che ha messo in lei tenerezza ed amore,
è la mia sapienza che ha formato la sua sensibilità ,
la sua intelligenza e tutte le qualità che hai trovato in lei.
Ma non puoi limitarti a godere del suo fascino.
Devi impegnarti a rispondere ai suoi bisogni, ai suoi desideri .
Ha bisogno di serenità e di gioia, di affetto e di tenerezza,
di piacere e di divertimento, di accoglienza e di dialogo,
di rapporti umani, di soddisfazione nel lavoro, e di tante altre cose.
Ma ricorda che ha bisogno soprattutto di Me.
Sono Io, e non tu, il principio, il fine, il destino di tutta la sua vita.
Aiutala ad incontrarmi nella preghiera , nella Parola ,
nel perdono, nella speranza . Abbi fiducia in Me.
La ameremo insieme. Io la amo da sempre.
Tu hai cominciato ad amarla da qualche anno,
da quando vi siete innamorati .
Sono Io che ho messo nel tuo cuore l'amore per lei.
Era il modo più bello per dirti "Ecco te l'affido
Gioisci della sua bellezza e delle sue qualità"
Con le parole "Prometto di esserti fedele, di amarti e
rispettarti per tutta la vita"
è come se mi rispondessi che sei felice di accoglierla
nella tua vita e di prenderti cura di lei.
Da quel momento siamo in due ad amarla.
Anzi Io ti rendo capace di amarla "da Dio",
regalandoti un supplemento di amore
che trasforma il tuo amore di creatura e lo rende simile al mio.
E' il mio dono di nozze: la grazia del sacramento del matrimonio.
Io sarò sempre con voi e farò di voi gli strumenti del mio amore e
della mia tenerezza:
continuerò ad amarvi attraverso i vostri gesti d'amore"